spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Banca Cambiano, via il bancomat da San Donato: “Abbandonati senza essere neanche avvisati”

    La Società Filarmonica Giuseppe Verdi: "La banca del territorio ci ha abbandonati senza avvertire nessuno. Che classe... chapeau"

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Sandonatini contrariati (usiamo un eufemismo) dopo che la Banca di Cambiano ha deciso di togliere lo sportello bancomat dal paese.

    Una decisione contestata dai residenti: sia per il merito (ovviamente un servizio che viene tolto non fa certo piacere), che per il metodo (viene lamentata la mancanza di qualsiasi comunicazione preventiva).

    Dalla Banca di Cambiano filtrano poche informazioni, nessuna ufficiale.

    In particolare, si rimarca che la “massa critica” di riferimento per questo sportello non era sufficiente per giustificarne il mantenimento: e che quindi è stata presa la decisione di spostarlo altrove.

    Viene però da chiedersi se sia stato solo un riflesso della mancanza di turisti nell’ultimo anno e mezzo (e in questo caso magari si poteva avere maggiore pazienza per aspettare qualche mese…), oppure se fosse già dall’inizio uno sportello bancomat strutturalmente “fuori scala”.

    In questo caso, ci si domanda quindi perché aprirlo, visto che comunque la situazione demografica di San Donato in Poggio è ben conosciuta e cristallizzata.

    A riassumere lo stato d’animo del paese ci pensa la Società Filarmonica Giuseppe Verdi, una delle associazioni di riferimento nel borgo sandonatino.

    “Questo – scrive sulla propria pagina Facebook postando la foto – era lo sportello della Banca Cambiano di San Donato in Poggio. La banca del territorio ci ha abbandonati senza avvertire nessuno. Che classe… chapeau”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...