giovedì 2 Luglio 2020
Altre aree

    Bar, ristoranti, pizzerie (28) scrivono al sindaco: “Si assuma le sue responsabilità”

    "Ci ha fatto promesse: niente eventi, niente sagre, niente ristorazione gestita dal volontariato per il 2020 e agevolazioni sulle imposte locali"

    BARBERINO TAVARNELLE – L’hanno firmata in 28. Fra proprietari di ristoranti, bar e pizzerie del territorio comunale di Barberino Tavarnelle.

    Una lettera a tratti molto dura, inviata al sindaco David Baroncelli. La riceviamo e la pubblichiamo.

    La presente è indirizzata a chi ci legge in qualità di rappresentante della nostra comunità e dunque al fine di significare quanto segue.

    Nonostante i gravi danni economici che stiamo subendo e che purtroppo troveranno risoluzione nel breve periodo, siamo infatti strutture ricettive con un fatturato localizzato per lo più nella stagione estiva, che per quest’anno nostro malgrado è già andata perduta, non abbiamo perso le speranze e al momento della riapertura ci siamo fatti carico di ulteriori sacrifici economici ed investito ancora nelle nostre attività.

    Lo abbiamo fatto perché crediamo nel lavoro e nel servizio che svolgiamo con passione ogni giorno; lo abbiamo fatto per le nostre attività e per salvare i posti di lavoro del nostri collaboratori, che con noi stanno vivendo questa grave crisi economica e sociale.

    Nel contesto sopra descritto, non abbiamo dimenticato l’invito rivolto a illo tempore da chi ci legge di instaurare un tavolo di confronto volto a comprendere le difficoltà in questo grave momento.

    L’incontro si era peraltro concluso con determinate promesse: niente eventi, niente sagre, niente ristorazione gestita dal volontariato per tutto il 2020 e agevolazioni sulle imposte locali.

    Con gli incassi attuali di quest’anno e con costi altissimi dovute alle restrizioni imposte dal Governo, chiediamo, a Lei come Primo Cittadino e alla Giunta Comunale, di ASSUMERSI LE PROPRIE RESPONSABILITA’.

    E di non dimenticare le migliaia di posti di lavoro a rischio del nostro settore per questa emergenza.

    1. OSTERIA LA GRAMOLA
    2. RISTORANTE BORGO ANTICO
    3. PIZZERIA GODIPOPOLO
    4. PIZZERIA LA VECCHIA PIAZZA
    5. BAR ITALIA
    6. PIZZERIA LA FORNACE
    7. RISTORANTE “FITTI FITTI”
    8. BAR “LA VITA E’ BELLA”
    9. LOCANDA DI PIETRACUPA
    10. PIZZERIA “PALAZZO PRETORIO”
    11. RISTORANTE “LA TOPPA”
    12. “I FIORENTINO”
    13. CAFFE’ “BIJOUX”
    14. RISTORANTE PIZZERIA “L’ARCHIBUGIO”
    15. BAR “LA PINETA”
    16. PIZZERIA “TRIOCCO”
    17. RISTORANTE “LA TAVERNA DEL FIORENTINO”
    18. PIZZERIA “VICO FURBO”
    19. RISTORANTE “IL CAMPANELLINO”
    20. BAR PASTICCERIA “BAGNOLI”
    21. RISTORANTE “PICO’”
    22. PIZZERIA “IL CICCINO”
    23. RISTORANTE PIZZERIA “MORROCCO”
    24. CHIANTI VILLAGE “MORROCCO”
    25. RISTORANTE “LA SOSTA DI PIO VII”
    26. RISTORANTE “BORGO DI CORTEFREDA”
    27. OSTERIA “I VIGNAIOLI” ( EX PONTENUOVO ANCORA DA APRIRE)
    28. RISTORANTE “LA FATTORIA”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...