spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: 400 studenti e 30 docenti a lezione di educazione audiovisiva

    Il cinema fuori e dentro la scuola: il percorso didattico ha previsto un ciclo di lezioni sul linguaggio, proiezioni al cinema Olimpia, laboratori scolastici per la realizzazione di testi audiovisivi

    BARBERINO TAVARNELLE – Il cinema in classe e fuori, tra le poltrone delle sale di Barberino Tavarnelle, contagia i giovani e stringe un legame speciale con gli studenti dell’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani”.

    Dalle proiezioni al Cinema Olimpia alle attività didattiche a scuola, legate alla lettura e all’analisi filmica e ai laboratori pomeridiani di ripresa e montaggio audiovisivo.

    Sono molteplici i progetti che hanno coinvolto gli allievi e le allieve del percorso di educazione al linguaggio audiovisivo, promosso e realizzato dal Comprensivo.

    Le attività, che hanno visto centrale la collaborazione con l’associazione Cinema Olimpia, si sono svolte prima nell’ambito del progetto “Lanterne Magiche”, proposto dalla Mediateca Toscana, poi in occasione dell’iniziativa in corso “Contagiati dal cinema”, attraverso il bando Cinema 2021-22, che si concluderà a dicembre.

    “Con questo progetto – commenta la dirigente scolastica Anna Maria Pia Misiti – la nostra scuola ha avuto l’opportunità di promuovere la didattica del linguaggio cinematografico in ventidue classi di scuola primaria e secondaria. Il nostro Piano dell’Offerta formativa si è arricchito di una progettualità al passo con i tempi che ha permesso di formare circa quattrocento alunni e alunne e più di trenta docenti all’educazione visiva e alla comprensione e all’utilizzo degli strumenti audiovisivi”.

    “Contagiati dal Cinema” è un progetto di educazione al linguaggio audiovisivo che ha coinvolto gli studenti e gli insegnanti delle classi quinte delle primarie e della prima classe della scuola secondaria di primo grado.

    Il percorso didattico ha previsto un ciclo di lezioni sul linguaggio audiovisivo in classe e di incontri con un professionista del settore.

    Alle proiezioni al cinema di film selezionati con gli studenti sono poi seguite delle esercitazioni finalizzate all’analisi e all’approfondimento delle pellicole, con una particolare attenzione allo studio della narrazione cinematografica e degli aspetti estetici ed artistici del film.

    L’attività è stata rafforzata da due laboratori pomeridiani volti alla realizzazione di testi audiovisivi tra cui “Smartphone video maker” con la finalità di educare lo studente ad una corretta ripresa video e ad un primo approccio con il montaggio e “Te lo spiego con un video” che ha portato alla realizzazione di brevi video tutorial sui temi più vari come cultura, arte, storia e scienze.

    “Il cinema a scuola è un importante strumento di apprendimento e inclusione – aggiunge il sindaco David Baroncelli – grazie al supporto dell’associazione Olimpia, dei tanti volontari e volontarie che rendono viva e dinamica la passione per la settima arte condividendola con la comunità, e dei progetti attivati dal Comprensivo i giovani possono acquisire nuove competenze, scoprire stimoli, vocazioni e talenti artistici, interessarsi ai vari ambiti di conoscenza sotto il profilo pratico e sperimentale e non pratico”.

    “Valorizzare il linguaggio cinematografico e audiovisivo a scuola – conclude il sindaco – significa elevare la qualità e la diversificazione dell’offerta didattica e accrescere, arricchire il bagaglio di emotività degli studenti che nell’analizzare un film sono portati a far emergere emozioni, sensibilità, percezioni personali e senso critico”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...