domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Barberino Tavarnelle: alimenti e farmaci a casa per anziani e persone in difficoltà

    Il Comune ha organizzato il servizio (grazie ai volontari delle associazioni) con l’attivazione di un numero dedicato per le richieste da parte dei cittadini

    BARBERINO TAVARNELLE – Riparte il servizio a supporto degli anziani e delle persone in condizione di fragilità per la consegna a domicilio della spesa e dei farmaci.

    Il Comune di Barberino Tavarnelle mette in moto una nuova fase degli interventi a favore degli over 65 e dei cittadini in difficoltà grazie all’impegno del volontariato locale che già, nella prima ondata dell’emergenza sanitaria, aveva dato prova di sé come rete organizzata e capillare.

    Centinaia di cittadini di ogni età, prevalentemente giovani provenienti da otto associazioni del territorio che operano in vari ambiti, dal sociale al sanitario, dal culturale alla solidarietà, saranno in prima linea per aiutare chi in questo momento della crisi sanitaria ha più bisogno.

    I volontari delle associazioni Auser Volontariato Insieme Barberino Tavarnelle, Blue Room, Calcit Barberino Tavarnelle, Filarmonica Giuseppe Verdi San Donato in Poggio, Filarmonica Giuseppe Verdi Marcialla, Happy Days Onlus, Misericordia Barberino Tavarnelle, Pro Loco Sambuca effettueranno il porta a porta di generi alimentari e medicine su richiesta delle persone che hanno i requisiti di accesso al servizio.

    “La consegna a domicilio è rivolta a persone anziane, che vivono sole e si trovano in situazione di fragilità – spiega l’assessore alle politiche sociali Giacomo Trentanovi – persone che non possono uscire dalla propria abitazione in seguito alle misure restrittive dettate dal Dpcm, o che si trovano in precarie condizioni di salute o sono impossibilitate a provvedere in modo autonomo alla spesa. Un vivo ringraziamento alle nostre associazioni e a tutte le volontarie e i volontari che ci permettono di raggiungere ogni località del nostro territorio, dando risposte mirate ai bisogni della nostra comunità”.

    La consegna dei beni di prima necessità (alimenti, igiene personale e della casa, farmaci) è un servizio fondamentale che sostiene la comunità, evita il rischio di contagio e dà una mano concreta agli anziani che devono restare a casa.

    Il progetto tende a proteggere gli anziani e a farli sentire al sicuro, se ne prende cura assorbendo il loro senso di disagio legato alla condizione di solitudine.

    “Il servizio è frutto di un’azione integrata tra ente locale e tessuto associativo – dichiara il sindaco David Baroncelli – insieme lavoriamo ogni giorno per qualificare e innovare il welfare territoriale. In occasione del primo lockdown ci eravamo riscoperti uniti, ora ci rimettiamo in campo con la consapevolezza di una squadra che ha più esperienza avendo potenziato capacità organizzative e senso di responsabilità. Sono le associazioni di volontariato locali che migliorano la cura e la vita del nostro territorio”.

    “Grazie al loro instancabile impegno – conclude il sindaco – possiamo sentirci anche in questa seconda fase dell’emergenza comunità solidale, pronta a perseguire obiettivi di vicinanza alle persone e a realizzare servizi territoriali. Una struttura che potrà consolidarsi e fissare un punto cardine nel dopo epidemia”. 

    Alla consegna a domicilio possono accedere le persone non sottoposte a regime di quarantena fiduciaria o di isolamento in quanto positivi al Covid-19.

    Il numero da contattare per usufruire del servizio è 0558052245, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13 e martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 18. Informazioni: www.barberinotavarnelle.it, pagina Facebook del Comune.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...