spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle, cittadini a lezione di educazione finanziaria in biblioteca comunale

    I professionisti coinvolti, Umberto Bagnoli e Giacomo Luddi, spazieranno tra conto corrente, investimento e mutui

    BARBERINO TAVARNELLE – In occasione del mese dell’educazione finanziaria, promosso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, la Pro Loco di Tavarnelle organizza un incontro aperto ai cittadini.

    “Con l’obiettivo – dice l’associazione – di informare e promuovere la conoscenza e gli strumenti più adeguati alla gestione dei propri risparmi”.

    L’iniziativa “Risparmio, investimento e credito” è organizzata con il patrocinio del Comune di Barberino Tavarnelle e si terrà nello spazio della biblioteca comunale “Ernesto Balducci” venerdì 28 ottobre alle ore 18.

    Interverranno il consulente finanziario Umberto Bagnoli e l’avvocato specializzato in diritto bancario Giacomo Luddi.

    “L’obiettivo dell’evento – dichiara il presidente della Pro Loco di Tavarnelle, Tiberio Corsi – è quello di offrire alla cittadinanza l’opportunità di conoscere e confrontarsi sui principi del risparmio”.

    “In un momento peraltro – rimarca Corsi – in cui la gestione corretta e consapevole del denaro, e più in generale la conoscenza basilare del campo economico-finanziario, sono quanto mai necessarie, abbiamo coinvolto due professionisti del settore che delineeranno una panoramica tra conto corrente, investimento e mutui”.

    “Insieme cercheremo di capire quali possano essere gli strumenti – spiegano gli esperti – i comportamenti e le modalità più opportune e adeguate all’utilizzo delle proprie risorse”. 

    Ogni incontro accoglierà domande e richieste del pubblico, protagonista del dibattito. La cittadinanza è invitata a partecipare.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua