spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: oltre 200 hanno presentato i loro nomi di donne intitolare le strade comunali

    Per candidare il proprio nominativo (on line) c'è tempo fino a oggi, domenica 20 giugno: devono essere personalità femminili decedute da almeno 10 anni

    BARBERINO TAVARNELLE – C’è tempo ancora fino a oggi, domenica 20 giugno, per avanzare una proposta (on line) sui nomi di donne che si sono distinte nella storia da attribuire a quindici strade del territorio comunale di Barberino Tavarnelle.

    Sta per concludersi il percorso di consultazione pubblica che l’amministrazione comunale ha attivato virtualmente e con comunicazione telefonica per coinvolgere la cittadinanza nella realizzazione di un progetto di toponomastica partecipata.

    L’iniziativa nasce con l’obiettivo di dare nome e identità femminili a quelle strade “doppie”, nati come casi di omonimia a seguito della riunificazione degli ex Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle.

    Sono oltre 200 le cittadine e i cittadini che hanno compilato un apposito form on line esprimendo la loro preferenza tra i nomi indicati dall’amministrazione comunale o presentando una nuova candidatura, in linea con i contenuti dell’avviso pubblico.

    Teresa Mattei, Nilde Iotti, Maria Montessori, Tina Anselmi, Emily Dickinson, Ipazia, Artemisia Gentileschi, Rosa Parks, Ilaria Alpi, Oriana Fallaci, Franca Rame, Anna Frank sono alcuni dei nominativi che compongono la rosa proposta dalla giunta comunale.

    “Per le intitolazioni delle nuove vie abbiamo candidato donne significative, madri costituenti, scienziate, giornaliste, letterate, vittime di persecuzioni – spiega l’assessora alle pari opportunità Marina Baretta – donne che sono distinte per il loro contributo offerto al progresso e alla crescita sociale, culturale ed economica del contesto storico in cui sono vissute”.

    Il percorso di toponomastica partecipata, aperto fino a oggi

    Oltre ai cittadini residenti, possono partecipare al processo partecipativo le associazioni attive nel territorio comunale nei settori economico, sociale, educativo, ambientale, sportivo e ricreativo, culturale.

    I cittadini singoli che prenderanno parte al processo partecipativo dovranno specificare i seguenti dati: nome, cognome, recapito telefonico o e-mail.

    Le proposte delle associazioni dovranno essere presentate da parte del presidente/legale rappresentante, con l’indicazione della denominazione dell’associazione rappresentata. Ogni soggetto potrà presentare una sola proposta. In caso di presentazioni multiple verrà acquisita la prima presentata in ordine cronologico. 

    I cittadini potranno presentare proposte di intitolazioni che ricordino nomi e personalità di donne, decedute da almeno 10 anni, che hanno compiuto azioni coerenti con i principi della Costituzione della Repubblica Italiana. 

    A conclusione del procedimento di partecipazione, una Commissione appositamente costituita procederà alla definizione dell’elenco definitivo delle nuove denominazioni da sottoporre all’approvazione del Prefetto.

    Per compilare il form il link di accesso è il seguente: http://www.barberinotavarnelle.it/nuova-toponomastica-femminile.

    Tutte le informazioni sul processo partecipativo sono disponibili sul sito web del Comune www.barberinotavarnelle.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...