spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: “Terminata l’opera di riqualificazione delle aree gioco”

    "Otto giardini a misura di bambina e bambino; installate complessivamente 33 nuove attrezzature ludiche nei borghi e nei centri abitati"

    BARBERINO TAVARNELLE – Con il taglio delle recinzioni e l’apertura dell’area gioco di Marcialla, avvenuta in piazza Brandi alla presenza del sindaco David Baroncelli e dell’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani, si è conclusa l’installazione dei nuovi arredi ludici nei giardini pubblici di otto diverse località del territorio comunale di Barberino Tavarnelle.

    Un investimento complessivo pari a 200mila euro, finanziato dal Comune, che ha permesso di proseguire il percorso relativo alla “Città delle bambine e dei bambini” nelle diverse frazioni e nei centri abitati.

    Un’opera pubblica che aveva preso le mosse nella frazione di Vico d’Elsa, dove poco più di un anno fa era partito il progetto educativo intrecciato alla realizzazione di giochi e attività ludico-motorie a contatto con la natura e in dialogo con la comunità.

    Il percorso della “Città delle bambine e dei bambini”, che nel borgo valdelsano era nato dalla filosofia del “service learning” con il coinvolgimento delle insegnanti, degli artigiani, degli artisti del territorio, è diventato il filo conduttore di un progetto di comunità.

    “I principi di scoperta della natura e conoscenza del borgo – spiega il sindaco Baroncelli – i temi della lettura ad alta voce, della sostenibilità, dell’inclusività, del gioco green, della sicurezza, del decoro urbano e della cura dell’ambiente stanno alla base di quello che vorremmo si traducesse in un patrimonio diffuso, realizzato con l’acquisto e il posizionamento appena ultimato di 33 nuovi giochi accessibili a tutti”.

    I giochi sono stati installati nei giardini di Marcialla (piazza Brandi), San Donato in Poggio (via Senese e piazza del Pozzo Nuovo), Sambuca (piazza Gramsci), Barberino Val d’Elsa (pineta), Tavarnelle (piazza della Repubblica, Mocale), Vico d’Elsa (giardini pubblici), Zambra (giardini pubblici).

    Le aree si sono arricchite di giochi composti, molle, scivoli, altalene di ultima generazione e inclusive, corredati di pavimentazioni in gomma antitrauma e anticaduta completamente rinnovati, per il divertimento e l’attività all’aperto dei più piccoli.

    “L’idea è quella di rendere il nostro territorio un grande unico parco fruibile e accessibile dal maggior numero di persone possibili – dichiara ancora il sindaco Baroncelli – continuiamo ad orientare le nostre scelte in modo da rispondere alle esigenze e ai percorsi di crescita culturale e sociale dei più piccoli, le aree verdi sono fondamentali perché stimolano creatività, motricità e inclusione”.

    I giochi sono stati scelti in base alle fasce di età ed hanno caratteristiche diverse fra loro per coprire un ampio range di età che spazia da 1 a 10 anni, l’attenzione è stata rivolta anche alle caratteristiche di inclusività in modo da far giocare insieme in uno spirito di integrazione bambini normodotati e diversamente abili. 

    L’investimento comprende anche l’installazione di pannelli ludici che garantisce una maggiore accessibilità.

    “Intendiamo confermare e valorizzare il principio che il gioco è un diritto per tutti – conclude il sindaco – e dare la possibilità alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi di divertirsi insieme indipendentemente dalle loro abilità”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...