spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Barberino Tavarnelle: uno spazio rinnovato per l’archivio storico scolastico

    Il patrimonio documentale che racconta la storia della scuola e del territorio dagli anni '30 ai giorni nostri potrà essere custodito e conservato in un locale adeguato e ammodernato

    BARBERINO TAVARNELLE – Le carte, i documenti, le pagelle, i registri, i diari che le insegnanti trascrivevano quotidianamente, dagli anni ’30 ai giorni nostri, avranno uno spazio adeguato e ristrutturato dove continuare a vivere di memoria e conservazione.

    L’archivio storico dell’Istituto comprensivo statale “Don Lorenzo Milani” potrà tornare “a casa”, nei locali situati all’interno del complesso scolastico di via Allende.

    Che il Comune di Barberino Tavarnelle ha ristrutturato e adeguato, con un investimento che ha previsto non soltanto il rifacimento degli impianti del comparto antincendio in base alle recenti normative, ma anche l’organizzazione logistica dello spazio. E la realizzazione delle scaffalature destinate ad accogliere il patrimonio documentale della scuola.

    Un vero e proprio tesoro che racchiude la storia di un’intera comunità e le tracce silenziose di un percorso che dai banchi di campagna ha allungato lo sguardo sulla vita del Chianti fiorentino, osservandone i contorni al di fuori delle mura scolastiche, raccontando lo scorrere degli eventi di una parabola toscana lunga 80 anni.

    “Sono testimonianze preziose – dichiara la dirigente scolastica Paola Salvadori – che documentano e ripercorrono la vita del territorio e che oggi consideriamo beni culturali da utilizzare come fonti insostituibili per l’attività di studio, ricerca e approfondimento storico sulla società del tempo”.

    I documenti, ricchi di carte di vario genere, tra verbali, acquisti di materiali didattici, strumenti di lavoro, descrivono le strette relazioni tra la scuola, la storia del territorio e della sua comunità.

    “Dalle pagine compilate con cura – rivela Manola Bartalini della segreteria dell’Istituto comprensivo – come diari di bordo dalle maestre delle tante località di campagna di Barberino Tavarnelle, dove le scuole elementari erano attive e dinamiche, affiorano pezzi di vita degli studenti”.

    “Affreschi di alcuni dei momenti storici più significativi della nostra storia – sottolinea – come quello della seconda guerra mondiale, l’attività rurale che impegnava le famiglie con l’allevamento degli animali e il lavoro tra i campi, gli episodi di vita scolastica si intrecciano e si fondono alla realtà sociale dei borghi in cui le bambine e i bambini vivevano”.

    Il territorio dipinto dagli anni ’40 in poi evidenziava un’importante vitalità educativa: il mosaico delle classi miste aperte nei più piccoli centri abitati del territorio era davvero ricco.

    Il sindaco David Baroncelli con la dirigente scolastica Paola Salvadori

    “Il valore dell’investimento – commenta il sindaco David Baroncelli – che ha mirato alla ristrutturazione dello spazio, non è solo di carattere tecnico. E’ un intervento funzionale alla tutela e alla valorizzazione della memoria: il lavoro che abbiamo realizzato guarda al futuro e si lega sia al miglioramento della struttura, del contenitore, sia alla  conservazione delle migliaia di carte storiche che esso raccoglie”.

    “L’archivio scolastico della “Don Milani” – rimarca ancora il sindaco – permette di ricostruire e tracciare la storia della scuola, del suo rapporto con il territorio e del ruolo che l’istituzione scolastica ha svolto sul piano educativo e sociale nel corso degli anni”.

    È la storia che unisce, mette insieme le persone da qualunque luogo provengano, quella raccontata dall’archivio della scuola. 

    È anche la storia che si tocca con mano, un microcosmo che emerge da un foglio del registro di classe e si proietta sulla vita di una comunità.

    L’opera pubblica ha previsto l’adeguamento e la ristrutturazione dei locali, il rifacimento dell’impianto elettrico e il comparto antincendio, l’installazione delle scaffalature corrispondenti a 160 metri lineari.

    “Abbiamo iniziato con questo investimento importante e necessario – commentano in conclusione gli assessori Marina Baretta e Roberto Fontani – non faremo mancare il supporto e la collaborazione dell’amministrazione comunale nel percorso di valorizzazione di un patrimonio documentale così importante come l’archivio storico dell’Istituto comprensivo statale “Don Lorenzo Milani””.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...