mercoledì 5 Agosto 2020
Altre aree

    “Casa Nova, Vita Nova”: al Crc La Rampa con la rielaborazione di Sergio Berti

    Venerdì 14 febbraio alle 21.30: sul palco "I Rampanti", attori locali non professionisti... tutti da vedere

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Venerdì 14 febbraio alle 21.30, nella sala da ballo del circolo La Rampa, andrà in scena “Casa Nova, Vita Nova”: uno spettacolo assolutamente da non perdere.

     

    Portato sullo schermo da Peppino de Filippo e da Totò, è stato rielaborato da Sergio Berti, regista tavarnellino molto apprezzato con alle spalle diversi bei lavori, tra cui “Il Seme ed il Mare”, “Storie di veglia” e il corto per la Misericordia.

     

    Sergio ha attualizzato “Casa Nova, Vita Nova” e lo ha reso più fresco e divertente, inserendo nella commedia un balletto e cinque brani musicali: operazione a dir poco originale, mai fatta prima.

     

    Sul palco “I Rampanti”: Laura Lombardini, Monica Gheri, Maria Cristina Galletti, Franca Rossetti, Claudia Ceccherini, Antonio Mulas, Franco Castrucci, Anzio Giannetti, Gianni Bucciarelli, Paola Lazzeri, Alessandra Corti, Paola Canocchi, Andrea Massetani, David Baroncelli, Giuseppina Brogi e Alessandro Mori.

     

    Sedici attori amatoriali di Barberino Tavarnelle, di varie età, con un livello altissimo di recitazione e un’infinita passione per il teatro. Inoltre la maggior parte di loro fa parte anche della Corale di Santa Lucia al Borghetto: un valore aggiunto allo spettacolo e al loro profilo artistico.

     

    Le musiche sono di Chiara Corti. Al trucco e parrucco ci penserà Manuela Barison. I costumi sono stati cuciti da Elisabetta Cappelli. E le scenografie realizzate da Francesco Bulleri.

     

    “L’idea de “I Rampanti” – a parlare è Sergio Berti – nacque quando fui incaricato di fare lo spettacolo nel 2017. Diversi attori si fecero avanti e mi piacquero tutti. Da lì si appassionarono e proposero di creare un gruppo”.

     

    “Ci rivolgemmo a La Rampa – racconta – che approvò l’iniziativa e ci offrì un appoggio per eventuali piccole spese, oltre allo spazio per le prove e per gli spettacoli. Proprio dal circolo deriva il nome “Rampanti”, da cui a sua volta è derivato il simbolo con i due cavalli”.

     

    “Il nostro primo spettacolo è stato “L’Acqua Cheta” – prosegue – la celebre commedia in vernacolo fiorentino, nella quale ho inserito dei pezzi cantati. L’abbiamo portata in scena per la prima volta nel 2017, in occasione del cinquantesimo anniversario dalla fondazione de La Rampa”.

     

    “E’ stato un successo straordinario – ricorda – Abbiamo ricevuto tantissimi complimenti. E abbiamo fatto ben quattordici repliche in tutta la Toscana. La quindicesima sarà domenica 23 febbraio alle 17 al circolo Mcl a Tavarnelle”.

     

    “Adesso è la volta di “Casa Nova, Vita Nova” – dice ancora – che secondo me è un lavoro più completo, di spessore maggiore. “L’Acqua Cheta” è come bere un calice di prosecco, mentre questo è un calice di Chianti Classico”.

     

    “Ora stiamo facendo le prove generali – conclude Sergio – C’è grande palpitazione, si respira ansia da performance. Gli attori tengono molto allo spettacolo. Sono sette mesi che proviamo due volte la settimana. E’ davvero un bel gruppo”.

     

    Per chi volesse acquistare la prevendita, è necessario presentarsi fisicamente a La Rampa, al bancone del bar, dalle 9 a mezzanotte.

    di NOEMI BARTALESI

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino