domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Cittadinanza onoraria milite ignoto: il consiglio comunale approva la richiesta di Alberto Marini

    Il consigliere comunale (socialista) della maggioranza di centrosinistra a Barberino Tavarnelle, ha presentato un documento approvato all'unanimità

    BARBERINO TAVARNELLE – E’ stato approvato all’unanimità il documento presentato dal consigliere comunale socialista a Barberino Tavarnelle, Alberto Marini, a nome della coalizione di maggioranza, per dare la cittadinanza onoraria al milite ignoto sepolto all’altare della patria in occasione della ricorrenza del centenario

    I socialisti del Chianti, spiegano, hanno presentato il documento “in osservanza dell’articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana che recita: L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo“.

    Da qui, “aderiscono e sostengono il progetto che prevede, in occasione del centenario della traslazione, che tutti i Comuni d’Italia conferiscano la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto”.

    “Quel soldato – sottolineano – che per cent’anni è stato volutamente ignoto, diventerebbe il Cittadino d’Italia. Quell’Italia che nei momenti di grande difficoltà, si aggrappa e si unisce a tutti quei simboli e valori che ne caratterizzano la propria storia per risollevarsi e rinascere”.

    I socialisti chiantigiani ricordano “figure come Sandro Pertini che nel 1917 fu decorato con la Medaglia d’Argento al Valor Militare per aver combattuto sull’Isonzo e, pur deplorando la partecipazione italiana alla I° guerra mondiale, definirono il Milite Ignoto, partecipando alle celebrazioni del 1921, “un proletario straziato da altri proletari””.

    Allo stesso tempo, “ritengono utile e necessario ricordare alle nuove generazioni i valori fondanti della nostra nazione a partire dal risorgimento”. 

    E ricordano, “proprio in questo momento critico per la pandemia come sia giusto aggrapparsi ai valori fondanti della nostra unità nazionale con solidarietà, attenzione alle categorie più povere e non dimenticando i popoli del terzo e quarto mondo che necessitano dell’aiuto dei paesi più sviluppati e ricchi per uscire dalla povertà e dalle pandemie”.

    I socialisti, “nel solco dei propri principi fondatori e dalle proprie tradizioni storiche ancora oggi valide” ribadiscono, in conclusione, “con convinzione l’adesione a che il milite ignoto sia cittadino onorario del nostro comune”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...