spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dall’1 al 6 agosto Chianti in Musica Festival torna ad animare il Borgo di San Donato in Poggio

    Anche quest'anno edizione dedicata al pianoforte. Saranno sette i pianisti di livello internazionale presenti nel borgo sandonatino

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Come nel 2021, ancora a seguito degli esiti della pandemia da Covid-19, San Donato ospiterà per questa estate 2022 i soli studenti pianisti di Chianti in Musica, a San Donato in Poggio.

    L’auspicio è che dal 2023 si possa tornare alla formula “mista” con corsi di alto perfezionamento pianistico e corsi di formazione, anche di base, per studenti di altri strumenti, come in passato.

    Sempre come nel 2021, il cartellone del festival Chianti in Musica interseca le attività di Officine Creative del Chianti, con cui si è aperta una proficua collaborazione dallo scorso anno, e vede propri appuntamenti inseriti nel più ampio cartellone di musica per San Donato in Poggio.

    Un progetto artistico voluto dall’amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle pensato, grazie alla direzione artistica di Chianti in Musica e in stretta collaborazione con la Pro Loco di San Donato, per offrire contenuti artistici originali ai turisti oltre che ai sandonatini.

    E proprio per tutti loro è organizzato innanzitutto l’appuntamento anteprima di Chianti in Musica Festival, programmato per lunedì 1 agosto alle 18.30 a Palazzo Malaspina.

    Un momento di incontro e condivisione del cartellone del Festival di quest’anno, di presentazione dei giovani pianisti che lo animeranno, di conversazione con Adriana Armaroli, direttore artistico e fondatrice di Chianti in Musica, e Maria Grazia Bellocchio, pianista e docente dei corsi di perfezionamento pianistico di Chianti in Musica.

    Dopo un brindisi augurale, al termine della presentazione, il pubblico sarà invitato a spostarsi in Santa Maria della Neve per il primo concerto di Chianti in Musica 2022.

    Veniamo quindi ai protagonisti di questa edizione del Festival.

    Sette i pianisti selezionati a livello internazionale, che il pubblico conoscerà appunto durante l’anteprima dell’1 agosto: Luca Bortoluzzi al suo secondo Chianti in Musica; Dario Falcone selezionato per la prima volta quest’anno, Gianluca Faragli, Daniele Fasani e Giorgio Lazzari già noti al pubblico di San Donato in Poggio; la pianista greca Nefeli Theofanopoulou e infine Roberta Vorzitelli per la terza volta studentessa di Chianti in Musica.

    A loro si unisce la giovanissima Gaia Conti, studentessa di pianoforte selezionata dalla Scuola secondaria di primo grado di Barberino Tavarnelle, a cui Chianti in Musica destina quest’anno la borsa di studio per giovani talenti del territorio.

    Nel dettaglio il cartellone di Chianti in Musica proporrà, dopo l’inaugurale dell’1 agosto, una serie di sei appuntamenti.

    • Martedì 2 e sabato 6 agosto sono date con doppio concerto, alle 18.30 e alle 21.30.

    • Mercoledì 3 e venerdì 5 date con concerto singolo alle 18.30.

    Sia l’1, che il 2, che il 6 agosto sono calendarizzate le tradizionali degustazioni di vini del territorio grazie alla collaborazione con il Consorzio del Vino Chianti Classico.

    Ingresso libero per tutti gli appuntamenti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...