spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Distilleria Deta: “Da mesi su di noi informazioni distorte. Massima disponibilità a incontrare i cittadini”

    "Il presente e il futuro di Deta andranno sempre di più nella direzione della sostenibilità ambientale". Poi l'azienda critica anche il Comune di Barberino Tavarnelle

    BARBERINO TAVARNELLE – “Le porte della Distilleria Deta sono sempre state, e continueranno, a essere aperte per tutti coloro che desiderano conoscere la nostra realtà e il processo produttivo. Un processo che, da anni ormai, mette al centro la sostenibilità ambientale, la green economy e la valorizzazione del territorio”.

    Lo scrive la Distilleria Deta (produttrice dal 1926 di grappe e liquori) in una nota ufficiale, ad alcuni giorni dalla manifestazione di protesta nei suoi confronti andata in scena a Tavarnelle.

    “È con questo spirito – si legge – convinti della nostra storia e di ciò che siamo, che rinnoviamo la nostra disponibilità ad incontrare chiunque abbia voglia di confontarsi con noi per rendersi conto di quale sia veramente la nostra realtà, abbia domande e voglia di conoscere quali sono i veri progetti futuri dell’azienda”. 

    “Diciamo no alle dichiarazioni allarmistiche”

    “Da mesi putroppo – affermano da Deta – si susseguono e vengono diffuse informazioni distorte sulla nostra distilleria e sul nostro modo di lavorare, con dichiarazioni allarmistiche e prive di fondamento”.

    “Vogliamo sottolineare – precisano – in maniera chiara che il presente e il futuro di Deta andranno sempre di più nella direzione della sostenibilità ambientale e della riduzione delle emissioni, accreditandoci tra le distillerie più green in Italia”.

    “È un percorso iniziato nel 2018 – rivendicano – quando abbiamo costruito su nostra decisione volontaria il nuovo depuratore delle acque, investendo 2,6 milioni di euro per realizzare un impianto tra i più performanti nel settore, grazie al quale è possibile restituire acque di lavorazione ben depurate all’acquedotto consortile di Poggibonsi con caratteristiche qualitative molto migliori rispetto ai limiti imposti dalle leggi”.

    “Dal nuovo depuratore delle acque al nuovo impianto di depurazione fumi” 

    “A seguito di un lungo dialogo avviato nel 2019 e basato su ampi studi diffusionali condivisi e validati dagli specialisti di Arpat e della Regione Toscana – prosegue la nota – per aumentare i possibili giorni di produzione fino a 300 e contestualmente ridurre i limiti emissivi attualmente autorizzati, gli enti coinvolti hanno prescritto l’installazione di un nuovo elettrofiltro e un camino di 60 metri”.

    “Un elettrofiltro per abbattere le emissioni”

    “Deta – continua ancora la nota della distilleria – per adempiere a questa prescrizione e per abbattere le emissioni, ha già acquistato investendo oltre 1 milione di euro un nuovo e moderno elettrofiltro il quale è pronto per essere installato”.

    Poi, la stoccata all’amministrazione comunale: “Deta si è già impegnata, come prescritto dagli enti coinvolti, nella progettazione del nuovo camino, per una commessa di circa 500 mila euro. Purtroppo, ad oggi, il Comune di Barberino Tavarnelle non ha ancora rilasciato i titoli necessari per realizzare questi miglioramenti tecnologici, nonostante l’azienda potesse essere in grado di realizzare il nuovo impianto entro il novembre 2020. Un ritardo che ci ha impedito di lavorare in maniera più efficiente, sia dal punto di vista economico che dell’impatto ambientale”.

    “È ovvio – prosegue Deta – che questi ritardi burocratici si ripercuotono negativamente sia nell’interesse del territorio che dell’azienda, che comunque continua a dare lavoro a 40 persone e che dal 2018 al 2020 ha stabilizzato contratti di lavoratori che prima erano precari”.

    “Il permetterci di realizzare questi miglioramenti – concludono – contestuali alla ottimizzazione delle lavorazioni, ci consentirà di continuare in questa direzione di crescita sostenibile e di proseguire il percorso virtuoso che ci porterà a divenire un modello esemplare di economia circolare, così tanto auspicato dagli indirizzi europei e nazionali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...