spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Distilleria Deta: il sindaco David Baroncelli fa il punto sulle emissioni di odori

    "Le rilevazioni effettuate anche attraverso l'autocontrollo della Deta attestano un problema che non ha effetti negativi diretti sulla salute dell'ambiente e delle persone. Ma è fonte di disagio"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Il Comune, in stretta collaborazione con gli enti preposti, Arpat e Regione Toscana, è in prima linea nel percorso di monitoraggio costante dell’attività produttiva della Deta e di tutta l’area industriale di Barberino Val d’Elsa per la tutela della salute dell’ambiente e di chi vive e lavora nel territorio comunale”.

    Lo afferma in una nota la stessa amministrazione comunale di Barberino Tavarnelle.

    Che ricorda anche “un’attività di controllo, quella che attenziona le emissioni della distilleria situata in località Zambra, che la stessa azienda ha intrapreso e sta regolarmente effettuando con un percorso di autoverifiche, volto al rispetto delle prescrizioni vigenti e all’osservanza dell’Autorizzazione Unica Ambientale, rilasciata dalla Regione Toscana”.

    “Sebbene non siano state rilevate criticità sulle emissioni inquinanti – si afferma ancora – e i dati relativi alle polveri sottili siano considerevolmente inferiori ai limiti delle prescrizioni, dagli autocontrolli effettuati dall’impresa sotto stretta sorveglianza di Arpat è stato rilevato un superamento dei limiti odorigeni. Le maleodoranze, tuttavia ridimensionate e delocalizzate rispetto ad alcuni mesi fa, sforano comunque i limiti vigenti”.

    E’ questo il dato che emerge dal ciclo di controlli, sopralluoghi e verifiche periodiche richiesto dalla giunta agli enti preposti. A fare il punto sulla problematica è il sindaco David Baroncelli.

    “Le rilevazioni effettuate da Arpat anche attraverso l’autocontrollo della Deta – dichiara il primo cittadino – attestano un problema odorigeno che non ha effetti negativi diretti sulla salute dell’ambiente e delle persone. Ma è fonte di disagio per chi risiede e conduce un’attività professionale nella zona”.

    “Ci conforta tuttavia – prosegue – il fatto che le emissioni inquinanti dell’aria, rilevate anch’esse puntualmente dalla stessa attività di monitoraggio, prevista dal modello autorizzativo, sono notevolmente inferiori ai parametri”.

    “L’impiantistica messa in atto dall’impresa – aggiunge il sindaco – ha eliminato le polveri e ridotto notevolmente le emissioni ad un livello che tutela la salute delle persone e del territorio”.

    “Il problema che resta è quello esclusivamente relativo al cattivo odore – ribadisce l’amministrazione comunale – emanato dalle lavorazioni dello stabilimento e su questo elemento di criticità l’azienda è tenuta a migliorare le proprie prestazioni e a farle rientrare nel minor tempo possibile nei parametri di legge. Secondo quanto comunicato da Arpat, alle irregolarità e all’inosservanza delle prescrizioni autorizzative potranno seguire interventi volti ad interrompere o contenere le emissioni dell’azienda”.

    Il percorso di monitoraggio, avviato dall’amministrazione comunale, è orientato a verificare la qualità dell’aria dell’intera zona industriale di Barberino Val d’Elsa.

    “L’intervento – viene specificato – mira infatti a conoscere i parametri ambientali che risultano dagli effetti cumulativi di tutte le realtà produttive presenti nell’area industriale e non delle singole aziende. La giunta ha investito circa 50mila euro per l’installazione di specifici strumenti di controllo in uno dei distretti industriali più rilevanti della Toscana, per estensione e quantità di attività insediate”.

    “Si tratta – viene dettagliato – di tre centraline per la rilevazione della qualità dell’aria in diverse collocazioni dell’area industriale con le quali è stata avviata una campagna di monitoraggio che consiste in un ciclo di 20 giorni l’una per quattro sessioni (per un totale di 80 giorni) in corrispondenza delle diverse stagioni climatiche. Le campagne di monitoraggio stanno indagando sull’andamento delle concentrazioni di inquinanti e hanno rilevato dati molto inferiori ai limiti di legge”.

    “Intendiamo valorizzare la necessaria convivenza tra ambiente e lavoro – conclude il sindaco –  abbiamo scelto di investire su un intervento concreto che garantisce l’aderenza ai principi di sostenibilità nel rispetto delle esigenze e delle aspettative della qualità della vita delle nostre comunità”.

    L’azione del Comune si aggiunge agli impegni assunti nell’ambito dell’adesione del Patto dei sindaci al Piano di azione per l’energia sostenibile.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...