spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festival di Pentecoste e Concerti di Badia, si parte! Ne parliamo con il presidente degli Amici della Musica

    Sebastiano Renna: “Stiamo coordinando ulteriori manifestazioni previste per il mese di settembre, ma la programmazione è ancora in divenire”

    BARBERINO TAVARNELLE – Finalmente il 2 giugno ripartirà la rassegna estiva, ricca di appuntamenti musicali meravigliosi, degli Amici della Musica di Tavarnelle.

    L’associazione è presente sul territorio da ormai ben 36 anni. Nel 1978 si costituì con l’obiettivo di diffondere la pratica della musica nel territorio di Tavarnelle e Barberino Val d’Elsa, proponendo manifestazioni concertistiche di elevata qualità.

    Nel corso del tempo si è contraddistinta infatti per aver presentato programmi con artisti di fama internazionale, come Riccardo Muti, Zubin Mehta, Carlo Maria Giulini e Myung-Whun Chung.

    Per la prima volta ha avviato una co-progettazione con l’amministrazione comunale della durata di tre anni, che prevede l’organizzazione del Festival di Pentecoste e dei Concerti di Badia, oltre che di ulteriori manifestazioni e dell’insegnamento musicale tramite l’Accademia Malaspina.

    # Festival di Pentecoste e Concerti nel chiostro nell’Abbazia di Badia a Passignano

    Quest’anno il Festival di Pentecoste, giunto alla sua 36esima edizione, comprenderà quattro concerti di musica da camera, che si svolgeranno il 2, l’11, il 25 giugno e il 29 luglio nella Sala del Cenacolo a Badia a Passignano.

    Si esibiranno rispettivamente il “Quartetto adorno” (Edoardo Zosi, Liù Pelliciari, Benedetta Bucci, Stefano Cerrato); Paolo Hendel, Gabriele Ragghianti e Tiziano Mealli in “Il Contrabbasso” di Patrick Suskind.

    Il pianista Maurizio Baglini; Francesca Dego (violino), Timothy Ridout (viola), Laura Van der Heijden (violoncello) e Federico Colli (pianoforte).

    “Negli ultimi due anni – a parlare a nome di tutto il comitato direttivo è il presidente Sebastiano Renna – il Festival di Pentecoste non si è interrotto, però si è svolto in forma ridotta sia nel numero che nella capienza dei concerti. Questa sarà la stagione della rinascita”.

    Invece i Concerti di Badia, organizzati in collaborazione con l’Orchestra Regionale Toscana, si terranno nel chiostro dell’abbazia l’8 (con il direttore Diego Ceretta ed il violoncellista Augusto Gasbarri) e il 20 luglio (con Alessandro Riccio in “Gli anni verdi”) e il 5 agosto (con il direttore Daniele Giorgi).

    “Badia è uno dei gioielli del nostro territorio – commenta Renna – Ascoltare musica in questa cornice è un’esperienza davvero unica”.

    “Il nostro pubblico è variegato – prosegue – E’ composto da affezionati ascoltatori, nonché soci (grazie ai quali riusciamo a finanziare le spese e a tenere viva l’attività dell’associazione), e da turisti, alcuni dei quali ci seguono con costanza di anno in anno”.

    Per accedere ai concerti è consigliato prenotare inviando una email a info@amicidellamusicatavarnelle.it.

    “Stiamo coordinando ulteriori manifestazioni previste per il mese di settembre – anticipa il presidente – ma la programmazione è ancora in divenire”.

    “Per quanto riguarda l’Accademia Malaspina – spiega – si tratta di corsi di perfezionamento (suddivisi in due sessioni, una a novembre e l’altra ad aprile) rivolti a giovani studenti dei conservatori che desiderano perfezionare il loro bagaglio artistico”.

    “Gli insegnanti sono artisti di alto livello nazionale o internazionale – conclude Sebastiano Renna – Gli studenti, ospitati in strutture della zona, hanno modo di condividere le giornate con i colleghi e gli insegnanti, oltre che di godere della bellezza del territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...