spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fibra ottica: lavori su Marcialla. Infrastruttura pubblica, gestione privata per 20 anni

    La realizzazione dell'infrastruttura è frutto di un percorso di collaborazione tra i Comuni di Barberino Tavarnelle e Certaldo e del piano di interventi regionale Open Fiber

    MARCIALLA (BARBERINO TAVARNELLE) – Il paese Marcialla guarda al futuro e diventa più “smart”.

    Ovvero, sempre più (e meglio) connesso e protagonista della rivoluzione digitale, il borgo a metà fra i Comuni di Barberino Tavarnelle e Certaldo inizierà a navigare più veloce.

    La fibra ottica di ultima generazione mette radici nella frazione, grazie ad un piano di azioni e accordi condivisi dalle due amministrazioni comunali, che da qualche tempo collaborano in maniera concreta su più fronti per potenziare i servizi nella frazione, e l’investimento della Regione Toscana, realizzato da Open Fiber nell’ambito dei bandi Infratel del Piano Bul. 

    A Marcialla quindi le prestazioni di connessione si potenzieranno con una nuova infrastruttura in fibra ottica che garantirà a circa 300 cittadini e imprese, residenti e operativi nella località, l’accesso alla rete in banda ultra larga.

    Nel concreto il processo di cablaggio dell’area, effettuato e completato da Open Fiber, offre ai cittadini l’opportunità di navigare ad una velocità di connessione fino a 1 GB al secondo.

    L’infrastruttura, messa in posa per le zone periferiche e borghi rurali, come Marcialla, è caratterizzata dalla modalità FTTH, Fiber to the home, ovvero con le terminazioni del cablaggio estese fino all’ingresso di ogni casa o immobile dell’area interessata dall’intervento.

    “È un risultato importante, che deriva dal lavoro condiviso e dal percorso di collaborazione che da tempo portiamo avanti nell’intento di favorire uno sviluppo sostenibile e unitario del territorio” dichiarano gli assessori ai lavori pubblici Roberto Fontani (Barberino Tavarnelle) e Francesco Dei (Certaldo).

    “Con l’introduzione di una tecnologia così avanzata nell’area collinare di Marcialla – specificano – l’obiettivo è quello di annullare i divari tra le aree di campagna e i centri abitati ed estendere il più possibile e in forma omogenea la copertura della banda ultra larga in modo da garantire pari opportunità in termini di lavoro, crescita economica, socialità, istruzione”.

    L’infrastruttura è di proprietà pubblica e sarà gestita in concessione per 20 anni dall’azienda di telecomunicazioni Infratel.

    I cittadini che ne faranno richiesta potranno scegliere il provider con il quale sottoscrivere regolare contratto di fornitura del servizio e potranno essere contattati dai vari gestori che collaborano nell’ambito di Open Fiber.

    L’alta velocità di connessione, garantita da servizi stabili e idonei, significa per la frazione di Marcialla la creazione di un’importante occasione che favorisce condizioni di sviluppo e rilancio tecnologico ed economico.

    “Considerato il delicato momento che stiamo attraversando dal punto di vista sanitario e sociale – concludono gli assessori –  il cablaggio di un’area decentrata come Marcialla si rivela strumento fondamentale in grado di garantire a chi vive nel piccolo borgo gli stessi servizi di chi risiede nelle grandi città, i cittadini potranno beneficiare di tutti i servizi più innovativi come lo streaming on-line HD e 4K, pensiamo ad esempio alle necessità legate allo smart working, alla didattica a distanza, al telelavoro, alla telemedicina e alle tante altre opportunità create dalla rete FTTH di Open Fiber”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...