spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Furto al campo del San Donato Tavarnelle, rubate la scarpe ai calciatori: danno da circa 15mila euro

    Fino a 4-5 paia ciascuno. E parliamo dei veri e propri "attrezzi da lavoro" dei calciatori. Molte fatte su misura, altre con plantari specifici

    BARBERINO TAVARNELLE – Brutto risveglio quello di oggi, domenica 24 luglio, per il San Donato Tavarnelle e per tutti i suoi calciatori.

    All’apertura dell’impianto infatti, il “Leonardo Pianigiani” di Tavarnelle, dove la squadra ha il suo quartier generale per gli allenamenti in vista della prima, storica, stagione in Serie C, la beffarda scoperta.

    Ignoti sono penetrati nella notte negli spogliatoi, facendo razzia di materiale tecnico. E, soprattutto, della quasi totalità delle scarpe degli atleti.

    Fino a 4-5 paia ciascuno. E parliamo dei veri e propri “attrezzi da lavoro” dei calciatori. Molte fatte su misura, altre con plantari specifici.

    Si parla di un danno del valore di circa 15mila euro. Un furto effettuato molto probabilmente da ladri che vanno a colpo sicuro, e che hanno canali di ricettazione aperti per questo tipo di materiale.

    La società, che adesso valuterà anche se installare telecamere di sicurezza, ha proceduto con la denuncia presso la Stazione dei carabinieri di Barberino Tavarnelle.

    Un problema non da poco questo: i calciatori infatti lasciano tutte le loro scarpe al campo di allenamento (i ladri hanno frugato anche fra i loro effetti personali).

    Oggi pomeriggio, ad esempio, scenderanno in campo a Vinci contro la Primavera dell’Empoli. E ai piedi avranno scarpe recuperate in qualche modo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...