giovedì 16 Luglio 2020
Altre aree

    Mattinata incredibile per il ristorante di San Donato: “Da soli, senza bodyguard, sorridenti e disponibili”

    SAN DONATO IN POGGIO (TAVARNELLE) – Sono arrivati da soli, senza bodyguard, senza macchinoni hollywoodiani. Ma, udite udite, in due sua una Vespa Piaggio.

     

    E' stato un pranzo speciale quello di oggi, martedì 28 luglio, nella splendida cornice della Locanda di Pietracupa, delizioso ristorante sulla strada che da San Donato in Poggio va verso Castellina in Chianti.

     

    Dove, seduti semplicemente fra i clienti abituali (alcuni se ne saranno accorti, altri forse.. nemmeno), per la sorpresa dei proprietari, hanno pranzato George Clooney e la moglie Amal Alamuddin.

     

    "Siamo rimasti affascinati – dicono dalla Locanda – dalla semplicità, dall'educazione e dalla disponibilità di entrambi. Davvero unici: sono passati con la Vespa un paio di volte davanti al ristorante, poi hanno deciso di… entrare".

     

    Non è la prima volta in Chianti per Clooney (per l'occasione con un bel pizzetto a incorniciare il mento) e signora: prima di sposarsi infatti, avevano presenziato a un matrimonio a Villa Mangiacane, nelle colline sancascianesi.

     

    L'attore poi, a fine pranzo, si è concesso ben volentieri alle foto di rito con proprietari, cuochi e camerieri.

     

    Per poi risalire in Vespa, con la sua Amal, e perdersi di nuovo nelle strade del nostro Chianti in un'assolata giornata di fine luglio.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...