spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Horror… made in Chianti: domani si presenta il libro di Filippo Semplici

    Lo scrittore barberinese con il suo "I misteri di Borgoladro", alle ore 21.30, con il sindaco David Baroncelli e l'assessore alla cultura Giacomo Trentanovi in biblioteca a Tavarnelle

    BARBERINO TAVARNELLE – Noir, thriller e horror si mescolano nell’ultimo lavoro di Filippo Semplici, “penna chiantigiana” che proprio tra le colline di Barberino Tavarnelle, dove lo scrittore risiede, ha deciso di ambientare il suo romanzo “I misteri di Borgoladro”, edito nel 2020 da Newton Compton Editori.

    Il racconto di una vacanza (solo apparentemente rilassante) che si trasforma in un’avventura al cardiopalma, inseguita da brividi e suspence, è al centro della serata letteraria che porta a termine la ricca stagione di libri, letture e laboratori per adulti e bambini, promossa e organizzata dal Comune nelle biblioteche comunali “Ernesto Balducci” di Tavarnelle e “Alda Merini” di Barberino Val d’Elsa.

    Il ciclo di eventi Bibliopiù ha scelto per l’epilogo di questa prima edizione di successo, alla quale hanno partecipato oltre 300 persone, un autore del territorio e un libro che dipana una storia avvincente in cui prende vita un intreccio horror che spezza spaventosamente la normalità di un borgo.

    E’ il piccolo paese di Borgoladro dove restare prigionieri di un incubo da cui è difficile uscire è la cosa migliore che possa capitare. 

    Anche il giorno sembra in linea con il genere prediletto dallo scrittore e dal suo folto pubblico di lettori che si è ampliato notevolmente con la diffusione dei testi di Semplici online e la cultura dell’e-book in cui il talento del romanziere ha trovato nuovo spazio ed espressione.

    L’appuntamento è in programma venerdì 17 dicembre alle ore 21.30 tra gli scaffali della biblioteca “Ernesto Balducci” di Tavarnelle.

    All’iniziativa, aperta al pubblico, con la quale l’autore illustrerà la sua ultima fatica, tra domande e riflessioni dei lettori, prenderanno parte il sindaco David Baroncelli e l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi.

    Quando Orlando parte per un viaggio in Toscana insieme a Elise, la sua compagna, ha tanti propositi per passare dei giorni all’insegna del divertimento: non vede l’ora di dedicarsi al buon vino, al cibo genuino e all’esplorazione di luoghi fuori dalle rotte turistiche consuete.

    Ma sulla strada, durante una sosta nel piccolo paese di Borgoladro, l’allegria lascia spazio al sospetto. Nel piccolo insediamento di case arroccato sulle colline e abitato da vecchi pensionati si respira un’atmosfera sinistra.

    Difficile capirne la ragione: ma a un certo punto è chiaro che Orlando ed Elise non sono ospiti graditi. Chi ha detto che la provincia sia rassicurante? Nel cuore storico di Borgoladro tutto è possibile…

    Filippo Semplici

    Toscano, esordisce nel 1999 con Il cucciolo. Amante di thriller, rock e Dylan Dog, è autore di Senza paura e Il giorno dei morti, oltre a numerosi racconti comparsi su riviste e antologie.

    Ha pubblicato Il faro (premiato al Terni Horror Fest) e Quattro minuti a mezzanotte. Ha vinto il Premio Nebbia Gialla con La suggeritrice, in uscita nel 2020. 

    I misteri di Borgoladro è il suo primo romanzo targato Newton Compton.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...