spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Comitato per la difesa e tutela della Val d’Elsa: “La Deta sfora i limiti sugli odori”

    "Lo dice una nota dell'Arpat: il sindaco David Baroncelli sospenderà le autorizzazioni fino a quando non si metterà a norma?"

    BARBERINO TAVARNELLE – “La Distilleria Deta ha superato i limiti: il sindaco David Baroncelli sospenderà le autorizzazioni fino a quando non si metterà a norma?”.

    Lo dice il Comitato per la difesa e la tutela della Val d’Elsa, a proposito di una “nota Arpat del 4 febbraio prot. 8572, inviata in risposta alle segnalazioni di odori nauseabondi, ad un paio di nostri consiglieri e soci del Comitato”.

    Nota nella quale, dicono dal Comitato, “si afferma che la concentrazione di odore determinata secondo lo standard Europeo UNI EN 13725:2004 in tutti e tre gli autocontrolli alla distilleria è superiore ai limiti autorizzati”.

    “La notizia ovviamente non ci fa piacere – puntualizzano – e resta ora da capire fino in fondo a cosa sono dovute queste esalazioni, senza trascurare che il Comitato chiede da tempo di conoscere anche l’esatta concentrazione di polveri nocive delle emissioni quali il PM 10 e 2,5”.

    L’Arpat continua nella nota: “Abbiamo proposto alla Regione Toscana di applicare quanto previsto dal comma 20-ter dell’art 271 del Dlgs 152/06 prescrivendo alla ditta di ripristinare il rispetto del limite in tempi brevi e di fornire dettagliate informazioni circa quanto ritiene necessario per poter rientrare nei limiti emissivi autorizzati, nonché evidenza della risoluzione della anomalia”.

    E che, “siamo convinti che il sistematico superamento dei limiti riscontrato nell’emissione E1, per la sua entità, abbia contribuito in modo significativo nel determinare le molestie olfattive rilevate”.

    Il Comitato chiede “certezze sulla qualità di vita”. Domanda “se la salute dei cittadini è sistematicamente a rischio dalle possibile elevata concentrazioni di inquinanti atmosferici, quali sono le criticità della zona”.

    “Ora che abbiamo la certezza che le emissioni odorigene della distilleria Deta sono fuori norma – accusano – riteremmo un segnale di sostegno alla cittadinanza se il sindaco Baroncelli sospendesse le autorizzazioni fino a quando l’azienda non avrà risolto il problema, magari dotandosi di un nuovo impianto, per esempio un essiccatoio a vapore surriscaldato. In altre zone d’Italia le distillerie pare abbiano risolto analoghi problemi investendo sulle migliori tecnologie”.

    “Nell’agenda del nostro sindaco – aggiungono – nel pomeriggio del 17 febbraio è previsto un incontro con i rappresentati del Comitato; sarà interessante conoscere da lui anche i criteri con i quali sono state organizzate con l’Arpat le campagne di rilevamento dell’aria, quali sono i parametri usati per monitorare il PM10, PM2,5 gli ossidi di azoto, zolfo Ipa. Conoscere le temporalità, in quanto la prima rilevazione ci risulta sia stata fatta tra metà dicembre/metà gennaio, diciamo in un periodo dove è comune la riduzione dell’attività lavorativa in gran parte delle aziende che gravitano nella zona industriale”.

    “Il nostro Comune – concludono – per i rilievi che farà l’Arpat ha sottoscritto un impegno di spesa di 32.000 euro. E ci sta a cuore che siano spesi bene e in maniera consona, anche se ci sembra però iniquo che per l’espansione di un’azienda si debbano spendere denari dei cittadini del Comune di Barberino Tavarnelle. Noi, come sempre, vigileremo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...