spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Natale della Macelleria Parti è, come sempre, pieno di gusto e fantasia: con pandori e pupazzi… di ciccia!

    Pandori e pandori mignon in tre gusti (con cipolla e pancetta; con porcini e tartufo; con agrumi). Pupazzi di carne con granella di mandorle, nocciole e scorza di arancio. Tutti in... numero limitato!

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Il Natale alla Macelleria Parti, in via Senese a San Donato in Poggio, è come sempre pieno di gusto e fantasia.

    Dal laboratorio di Emiliano Parti e di tutto il suo staff infatti, escono novità e spunti sfiziosi per pranzi e cene di festa.

    Una delle grandi novità per le festività 2022 sono i pupazzi di carne con granella di mandorle, nocciole e scorzia di arancio.

    “Questa volta ci siamo davvero superati – dicono dalla Macelleria Parti – creando per voi questo prodotto speciale che renderà le vostre tavole più colorate e divertenti di ogni altro anno, sorprendendo i vostri palati e quelli dei vostri ospiti con un’esplosione di gusto e fantasia!”.

    Ma non è… tutto.

    Ecco infatti anche il pandoro e il pandoro mignon in tre gusti.

    Carne, macinato, cipolla caramellata e pancetta tostata; carne, macinato, porcini e tartufo; carne, macinato e agrumi.

    Si tratta, in tutti i casi, di novità stagionali al 100% artigianali, prodotte in numero limitato per le festività natalizie: quindi… non fatevele scappare!


    Telefono: 0558072952

    Pagina Facebook: https://www.facebook.com/MacelleriaParti

    Sito web: http://www.macelleriaparti.it/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...