mercoledì 30 Settembre 2020
Altre aree

    Il programma dell’estate del CRC La Rampa: socializzazione, divertimento, semplicità, solidarietà

    Si parte il 3 luglio con la cena dell'associazione "Ci Incontriamo". Si chiude l'1 agosto con la cena con le verdure del mercato delle verdure coltivate negli orti dei soci

    BARBERINO TAVARNELLE – Nel pieno rispetto delle normative anti contagio, anche quest’estate il CRC La Rampa porterà allegria e divertimento.

    Gli eventi in programma hanno come obiettivo primario la socializzazione: la finalità è quella di passare del tempo insieme all’aperto nella terrazza davanti al circolo. L’altra parola chiave sarà – come spesso accade nell’ambito del circolo – solidarietà.

    Proprio con questo spirito si comincia venerdì 3 luglio: una cena squisita sarà servita dai volontari del circolo insieme all’associazione “Ci Incontriamo”, alla quale sarà destinata parte del ricavato.

    “Collaboriamo spesso con “Ci Incontriamo” e ne siamo molto felici – a parlare è Anna Canocchi, presidente de La Rampa dal 2014 – Il costo della cena è di 12 euro per gli adulti, 8 per i bambini. Ci saranno primo, secondo, contorni e gelato”.

    Poi si prosegue con “Rampa Estate”: una rassegna di concerti dal vivo, un appuntamento fisso ormai da anni. Ogni sabato di luglio. A partire dalle 21.30. Completamente gratis. Con l’intento di fare musica per tutti e di animare il week end.

    “Quest’anno eravamo incerti se fare o meno “Rampa Estate” – dice Anna – Però poi abbiamo pensato che fosse giusto, rispettando le normative e stando all’aperto, provare a ridare una parvenza di normalità”.

    “Partiamo il 4 luglio – annuncia – con gli amici della Corale di Santa Lucia al Borghetto, che sta mettendo su uno spettacolo apposta per noi. Ci saranno musiche estive molto allegre”.

    “L’11 – prosegue – ospiteremo abbiamo una cover band dei Nomadi: il “Clan dei Nomadi Tribute Band”. Sono già stati da noi anni fa. Dato che sono molti bravi e piacquero molto, li abbiamo rinvitati”.

    “Il 18 – aggiunge – avremo un gruppo formato da tre persone che si chiama “Disperati Erotici Trio”. Propongono brani dagli anni ’60 ad ora, ripercorrendo i capolavori della musica italiana, con sonorità che spaziano dallo swing alla musica latina”.

    “Per l’ultima data, il 25 – ci anticipa – abbiamo contattato il Coro Voci Bianche Colli Fiorentini, formato da bambini e ragazzi del nostro territorio, di età compresa tra i cinque e i quattordici anni. Hanno un talento straordinario e un vasto repertorio”.

    All’insegna della solidarietà, anche quest’estate, da ormai circa dieci anni, torna il “Mercatino dell’orto”. Che si terrà sabato 1 agosto. Grazie ai soci che mettono a disposizione i prodotti dei loro orti.

    “La mattina dalle 7.30 fino alle 12 – spiega Anna – venderemo la verdura coltivata dai nostri soci nei loro orti. Con i soldi ricavati acquisteremo la pasta biologica della “Cooperativa e Non Solo Corleone” e la doneremo alla Misericordia di Barberino Tavarnelle per il Banco Alimentare”.

    “Così – dice – diamo una mano alla cooperativa comprando la pasta prodotta con il grano duro lavorato nei campi confiscati alla mafia. E aiutiamo le famiglie del nostro comune mettendo loro a disposizione, tramite la Misericordia, la pasta”.

    “La sera alle 20 faremo una cena – conclude Anna – Con le verdure avanzate prepareremo un primo. Poi ci saranno l’arrosto girato e l’insalata e per finire il gelato. Così trascorreremo un’altra bella serata estiva in compagnia davanti al circolo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino