spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 5 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La grande passione per la musica di Cesare Penserini. “Nella vita? Ci vuole… kulo”

    E' il titolo del suo ultimo singolo: "Un brano che rispecchia la mia vita. La morte di mio padre e di mio fratello, mia madre che adesso non sta bene. Ma mi sento comunque fortunato"

    BARBERINO TAVARNELLE – Cesare Penserini si esprime a… canzoni: “Sono molto solare e estroverso, ma l’unico modo in cui riesco a esternare le mie emozioni è la musica”, ci confessa.

    E con il suo ultimo progetto, dal titolo “Ci vuole kulo” – che è il riarrangiamento della canzone dei “Concido” – ha voluto comunicare quella che per lui (e non solo) è una grande verità, una chiave di pensiero della vita.

    Cesare, 44enne, è originario di Montefiridolfi (dove è nato e cresciuto e “ha lasciato il cuore”), tavarnellino di adozione: “Abito a Barberino Tavarnelle da vent’anni”, dice.

    Dipendente presso un’azienda locale, sin da bambino ha la passione per la musica: “Da piccolo cantavo sempre. E lo faccio tuttora, che sia felice o nervoso”, ci racconta.

    La stessa passione che animava suo fratello “Cecco”, venuto prematuramente a mancare lo scorso febbraio: “Siamo gli unici in famiglia ad avere questo hobby – Cesare parla, per un attimo, al presente – Però “Cecco” faceva il dj: io preferisco la chitarra acustica al mixer”.

    Cesare ha già scritto diverse canzoni: per esempio quella di auguri per i due anni della figlia Viola (che adesso ne ha sei e mezzo), di cui avevamo scritto sempre qui sul Gazzettino del Chianti.

    Sin da quando aveva sedici partecipa ai concorsi: “Sono stato alle selezioni di Sanremo Giovani”, ricorda. Ed è lì che nel 2005 conobbe il gruppo rock “Concido”, autore della canzone “Ci vuole k…”, che è stata riarrangiata e fatta sua da Cesare.

    “Il brano rispecchia perfettamente la mia situazione – ci confida a cuore aperto – Ho perso prima mio babbo, poi mio fratello “Cecco”. Adesso purtroppo mia mamma non sta bene. Mi sono chiesto spesso: “Perché è successo a noi?”. E mi sono risposto che tutto è una questione di fortuna”.

    Di kulo… per l’appunto. Ecco spiegata la scelta della canzone dei “Concido”, che fa riflettere in maniera leggera: “Siamo una famiglia ironica: ci prendiamo spesso in giro, fa bene sdrammatizzare”.

    Nonostante tutto ciò che gli è capitato, nonostante che di fortuna ne abbia avuta poco, Cesare vede il bicchiere mezzo pieno: “Mi sento fortunato a essere nato e cresciuto qui. Mi sento fortunato rispetto a mio fratello”.

    “La canzone è molto attuale – aggiunge – Si adatta perfettamente alla situazione che tutti noi stiamo vivendo ormai da un anno e mezzo”.

    “Ringrazio di cuore Vito Astone, bravissimo musicista capace di dare nuova vita alle canzoni – ci tiene a dire – e Mariangela Arcangeli (MaryStar), che mi ha dato la possibilità di incidere nel suo studio di registrazione a Pistoia”.

    “Grazie – prosegue – anche a tutti coloro che ascolteranno e condivideranno la canzone”.

    Al momento presente su YouTube e su Facebook, presto sarà disponibile anche sui digital store (come Spotify).

    “Per me è già una grandissima soddisfazione se qualcuno la ascolta e la canticchia”, conclude Cesare con l’umiltà e la semplicità che lo contraddistinguono. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...