spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La scuola del futuro sarà realtà a San Donato in Poggio: con i fondi del PNRR

    Il Comune di Barberino Tavarnelle ha vinto un bando del Piano di Ripresa e Resilienza sulle scuole innovative

    BARBERINO TAVARNELLE – La scuola del futuro diventerà realtà.

    Il Comune di Barberino Tavarnelle vince un bando del Pnrr sulle scuole innovative per la costruzione della nuova scuola primaria di San Donato in Poggio, una delle opere più significative nel piano degli interventi stilato dall’amministrazione comunale.

    L’investimento, pari a due milioni e 400mila, euro è la somma che è stata ottenuta dalla giunta comunale nell’ambito di una specifica misura sull’edilizia scolastica messa a disposizione dal Governo per la costruzione di scuole innovative. 

    “L’edificio andrà a sostituire l’attuale scuola in via Senese – fa sapere il sindaco David Baroncelli – con una realizzazione prevista nell’area adiacente al supermercato Coop e alla farmacia comunale”.

    Due milioni e mezzo il costo stimato dell’opera pubblica che mira alla costruzione di una scuola innovativa, sicura e sostenibile, caratterizzata da spazi educativi e sociali aperti alla comunità e al territorio.

    “Non posso che esprimere una grande soddisfazione – aggiunge il sindaco Baroncelli – per l’inserimento nella graduatoria degli interventi ammessi a finanziamento dal Ministero, siamo riusciti nell’impegno politico-istituzionale a far valere la bontà della nostra proposta”. 

    “L’assegnazione di queste cospicue risorse – aggiunge – ci permetterà di dare una risposta attesa da tempo e richiesta dalle famiglie della frazione e delle aree limitrofe”.

    Il sindaco David Baroncelli mostra l’area su cui sorgerà la nuova scuola di San Donato in Poggio

    Altra proposta con la quale l’amministrazione comunale partecipa ai bandi del Ministero dell’istruzione è l’ampliamento e l’adeguamento della scuola dell’Infanzia di Vico d’Elsa, intervento che richiede una spesa pari a 360mila euro.

    “L’intento è quello di migliorare la sicurezza e il confort della struttura scolastica, situata nella frazione più a sud del territorio comunale – precisa l’assessora Marina Baretta – dopo aver effettuato una ricognizione complessiva delle maggiori necessità espresse dal territorio abbiamo scelto di concorrere al PNRR con un progetto di ampliamento e adeguamento antisismico della scuola di Vico che risponda ai bisogni crescenti delle famiglie e potenzi l’offerta dei servizi educativi”.

    Il Comune aveva già operato alcuni interventi di riorganizzazione degli spazi interni dell’edificio di via della Villa per adeguarli alle nuove misure anti Covid.

    La predisposizione delle schede delle opere pubbliche per il PNRR è gestita dall’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani e curata dall’Area Tecnica pubblici del Comune.

    Una terza proposta candidata al PNRR dal Comune è la realizzazione della nuova palestra “Luigi Biagi”, all’interno del complesso scolastico di via Allende a Tavarnelle.

    Un progetto il cui importo si attesta sui tre milioni e mezzo di euro, che prevede la ricostruzione integrale dello spazio attuale funzionale alle attività motorie degli studenti.

    Per queste ultime due proposte l’amministrazione comunale è in attesa di risposte in merito alla partecipazione ai relativi bandi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...