domenica 9 Agosto 2020
Altre aree

    Le Notti d’estate: Barberino Tavarnelle riparte dalla cultura diffusa. Da luglio fino a settembre

    Musica, incontri, teatro, iniziative per bambini: 50 eventi in 20 diversi piazze e borghi del territorio. L’estate di Barberino Tavarnelle prende il via con Chianti Ludens

    BARBERINO TAVARNELLE – Come un viaggio senza sosta l’estate di Barberino Tavarnelle si anima di suoni, note ed emozioni e porta le diverse forme dell’arte nei borghi, nelle piazze e nei luoghi simbolo del territorio.

    Una maratona di 50 eventi circa distribuiti, dal 9 luglio fino a settembre, in 20 diversi sedi, tra storia, tradizioni e contemporaneità.

    Il Comune di Barberino Tavarnelle raccoglie i talenti e le risorse delle realtà artistiche locali e fiorentine per costruire una ricca programmazione culturale che spazia tra i generi della cultura di intrattenimento di qualità mettendo in scena una rosa di minicartelloni.

    Quattro i fili obliqui che attraversano e legano il palinsesto generale de Le Notti d’estate, realizzato in collaborazione con il tessuto associativo locale e alcune realtà artistiche di area fiorentina.

    “Proponiamo una lunga kermesse che fa ripartire l’offerta culturale di Barberino Tavarnelle rivolta ad adulti e bambini con la qualità e la bellezza  – dichiara l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi – gli eventi si ispirano a quattro ambiti riferiti a diversi linguaggi espressivi, la tradizione musicale, tra classica e musica cantautoriale, la passione per il teatro, la funzione evocativa degli incontri con la quale ripercorrere le pagine del nostro passato, l’attività ludica come forma di intrattenimento legata ai giochi del passato dedicata ai più piccoli”.

    Le Notti d’estate si aprono il 9 luglio con un omaggio alla cultura d’infanzia, un mese di eventi e giochi di altri tempi. Fino al 6 agosto prende vita nei giardini e nelle piazze di Barberino Tavarnelle l’estate dei bambini.

    “Un ricco programma di eventi tutti da giocare – specifica l’assessore alle politiche educative Marina Baretta – con oggetti antichi e moderni, giochi artigianali in legno, a righe e a quadretti, giochi per piccoli mani che creano e crescono con quelle più grandi. È un intreccio di storie, di ricordi che riemergono, di momenti di socialità e aggregazione da condividere con i genitori e le famiglie”.

    Il cartellone Chianti Ludens, parte del più ampio progetto Le Notti d’estate, è realizzato in collaborazione con C.E.M.E.A. Toscana e Il Museo della Scuola Italiana. La carovana dell’allegria prevede un tour di iniziative, rivolte a bambine e bambini dai 6 anni in su, in cinque diverse piazze.

    Il sipario si alza il 9 luglio nella Pineta di Barberino, il 16 luglio sarà il turno di piazza Brandi a Marcialla, il 23 luglio Chianti Ludens va in scena nei giardini di via Giovanni XXIII a Sambuca Val di Pesa, il 30 luglio la macchina del far finta entrerà in gioco neigiardini di via Boccaccio a San Donato in Poggio, il 6 agosto promette sorrisi a gogo nella Pineta in Via del Mocale a Tavarnelle. 

    Negli spazi degli esercizi commerciali sarà allestita la mostra “Giocare a Scuola”, organizzata in collaborazione con il Museo della Scuola.

    Per garantire la partecipazione è gradita l’iscrizione via email a [email protected] indicando l’attività, il nome del/la bambino/a e l’età. Gli eventi si terranno dalle 17.30 alle 19.30. Info: 3498459815 [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino