spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Leggo e cammino nel Chianti fiorentino: week-end di letture tra i borghi storici

    Diversità, ecologia, territorio, fotografia: tanti i temi trattati nelle pubblicazioni che le amministrazioni comunali (Greve, Barberino Tavarnelle, San Casciano) presentano nelle biblioteche

    CHIANTI FIORENTINO – Poker di appuntamenti dedicati alla presentazione di libri nel Chianti fiorentino.

    Quattro consigli di lettura e altrettante occasioni di visita per riscoprire la bellezza dei borghi storici magnificati dalla natura chiantigiana ed entrare nelle fucine culturali delle biblioteche di campagna.

    Sarà un weekend all’insegna della lettura, lenta e consapevole come lo stile di vita di questi territori, quello che i Comuni del Chianti, San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle, propongono al popolo dei bibliofili di ogni età.

    L’appassionante maratona dedicata alla letteratura contemporanea, da vivere e condividere a spasso e tra gli scaffali degli spazi pubblici, prende il via sabato 9 aprile alle ore 10.30 presso la biblioteca comunale “Ernesto Balducci” a Tavarnelle.

    Con le letture di primavera delle volontarie Nati per Leggere dedicate ai più piccoli da 0 fino a 6 anni insieme alle loro famiglie.

    Dalle colline di Tavarnelle il percorso approda alla piazza della cultura grevigiana. Sempre nella mattina di sabato 9 aprile alle ore 11 sarà la biblioteca “Carlo e Massimo Baldini” di Greve in Chianti ad ospitare una doppia presentazione.

    Si tratta dei volumi “Ivo il tardivo. Indagine su una pellicola folle e straordinaria” e “Lo Zampacchione Giallo e altre storie” ed. Sarnus di Enrico Zoi.

    Due volumi diversi con storie e attività di elaborazione differenti, accomunati dal tema dell’autismo che il Comune di Greve in Chianti pone in primo piano in occasione della Giornata mondiale dedicata alla consapevolezza dell’autismo, giunta quest’anno alla quattordicesima giornata.

    Il primo ripercorre e analizza le vicende, i rapporti con gli abitanti di Castelnuovo dei Sabbioni dove è stata girata la pellicola, le voci del regista e attore Alessandro Benvenuti, del cast e della troupe cinematografica che hanno visto nascere la produzione del film “Ivo il tardivo” di e con Alessandro Benvenuti, uscito nel 1995.

    Il secondo accosta la scrittura di Enrico Zoi alle illustrazioni del figlio Filippo, entrambi portatori di un mondo magico, costituito da creature colorate, simpatiche e sorprendenti.

    Un’occasione per imparare a sorprendersi e non perdere la voglia di meravigliarsi di fronte ai prodigi della fantasia.

    All’incontro saranno presenti gli autori Enrico e Filippo Zoi, Philippe Chellini, coautore di “Ivo il tardivo. Indagine su una pellicola folle e straordinaria” e l’assessora alle politiche sociali Ilary Scarpelli. L’iniziativa sarà arricchita dalla proiezione di alcune immagini, tratte dai volumi, e dal videomessaggio di Alessandro Benvenuti.

    Il weekend tra i libri porta l’autore Stefano Bartolini e la sua ultima fatica “Ecologia della felicità. Perché vivere meglio aiuta il pianeta” a San Casciano nella sala della biblioteca comunale di via Roma. L’iniziativa si terrà sabato 9 aprile alle ore 17.

    Il volume del docente di Economia politica e sociale all’Università di Siena illustra la chiave per costruire un’economia sostenibile ovvero vivere una vita più felice e farsi portatori attivi di cambiamenti che possano salvaguardare il pianeta e il futuro delle nuove generazioni.

    È previsto l’intervento dell’assessora alla cultura Maura Masini.

    Il viaggio letterario propone anche per domenica 10 aprile alle ore 16.30 un incontro da non perdere.

    Nella splendida cornice della Pieve di San Pietro in Bossolo a Tavarnelle i riflettori della cultura si accendono per la presentazione del libro fotografico “Barberino Tavarnelle. Un museo a cielo aperto” di Mario Bicchi. L’iniziativa sarà arricchita dalla lettura di alcune poesie e da una visita al Museo di Arte Sacra.

    Il volume contiene un’ampia raccolta di scatti che rievocano il passato e contemplano il presente in cui, oltre al concetto dello spazio è espresso magistralmente il tema del tempo.

    L’opera d’arte, chiamata territorio, firmata dalle tante mani che nel passato hanno scandito con sacrificio le tappe della sua crescita, è un patrimonio da conservare, tutelare e valorizzare nel segno della biodiversità e della sostenibilità.

    Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...