spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lions Club Barberino Montelibertas: “Chiusa annata difficile ma piena di soddisfazioni”

    La presidente Lia Corsi: “Abbiamo vissuto quest’annata anomala con molta apprensione, ma anche con tanto impegno e con la massima sensibilità verso le istanze emergenti”

    BARBERINO TAVARNELLE – Sabato 26 giugno, nella splendida cornice di Borgo di Cortefreda Relais, si è tenuta la serata di chiusura dell’annata lionistica 2020/2021.

    Un’annata difficile, vissuta nel pieno della pandemia, ma anche ricca di grandi soddisfazioni per il Lions Club Barberino Montelibertas che, proprio in occasione della serata, ha annunciato il cambio del nome in Lions Club Barberino Tavarnelle.

    Presenti, tra tanti amici e ospiti, il sindaco di Barberino Tavarnelle David Baroncelli, il comandante della Stazione dei carabinieri di Barberino Tavarnelle Giuseppe Cantarero, il Governatore Distrettuale Marco Busini e Mario Paoli.

    I Lions hanno fatto un bilancio dei progetti realizzati nel 2020/2021, tra cui “Chianti Green”, numerose collaborazioni con l’Istituto Comprensivo Don Milani, la donazione al Banco Alimentare, l’acquisto e l’addestramento di un cane per un non vedente, il restauro del tabernacolo in località Molino di Santa Lucia (che sarà completato a giorni)… .

    E poi tante iniziative per Badia a Passignano (come la cura degli spazi verdi della frazione) e per la sua bellissima Abbazia (il ripristino del muretto nel parco esterno, la manutenzione delle vetrate interne, l’impianto di luci crepuscolari sul retro).

    Particolarmente suggestivo l’intervallo, durante la cena, in cui Roberto Nesi ha decantato la sua poesia: una rivisitazione in endecasillabi delle terzine dantesche a tema pandemia.

    Emozionante anche l’intervento di Roberto Sabatini, non vedente accompagnato dal suo preziosissimo amico a quattro zampe, donatogli dal Lions Club.

    Inoltre sono stati consegnati con grande orgoglio i riconoscimenti “Melvin Jones” a Giorgio Zimbaldi e a Giuseppe Lapini (tornato, dopo anni in altro club, in quello di Barberino Tavarnelle).

    Infine l’accenno ai propositi per l’annata 2020/2021: “Andremo avanti con l’impegno e la certezza che esprimeremo al meglio l’etica e i valori Lions che da sempre hanno guidato e distinto il nostro Club”, ha commentato la presidente Lia Corsi, riconfermata nel suo ruolo anche per il prossimo anno.

    “Ho vissuto quest’annata anomala con molta apprensione – questo il discorso di Lia Corsi – ma anche con tanto impegno e con la massima sensibilità verso le istanze emergenti”.

    “La condizione di allertata attenzione in cui abbiamo vissuto – ha proseguito – mi ha permesso di capire (più di quanto ne fossi già certa) il valore che per me rappresentano i soci del Lions Club Barberino Tavarnelle nei quali ho trovato affettuosa e sincera amicizia, affetto e sostegno collaborativo”.

    “Un ringraziamento speciale – ha tenuto a sottolineare – va all’amministrazione comunale, che ci ha supportato in tutte le attività atte a salvaguardare il patrimonio storico-artistico e ambientale, e alle forze dell’ordine per la loro presenza e vicinanza”.

    “Grazie anche a ChiantiBanca, sempre sensibile alle necessità del territorio – ha aggiunto ancora Corsi – e alla Soprintendenza, che con paziente attenzione ci ha permesso di perfezionare insieme ai nostri professionisti le progettualità relative alle varie manutenzioni effettuate”.

    “E grazie all’Istituto Comprensivo di Barberino Tavarnelle, con il quale abbiamo instaurato una bellissima sinergia – ha proseguito – e alle associazioni locali, tra le quali la Misericordia di Barberino Tavarnelle, prezioso partner in occasione di eventi sociali e sanitari”.

    “Grazie di cuore, infine, a tutti i soci, per il loro impegno continuo e incondizionato”, ha concluso così, visibilmente emozionata, la presidente del Lions Club Barberino Tavarnelle Lia Corsi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...