domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Lions Club Barberino Montelibertas, chiusura annata 2019/2020 con passaggio di testimone alla guida

    Dopo tre anni da presidente Virdi Sukhwant Singh viene sostituito da Lia Corsi, fino ad ora segreteria, sempre piena di energie e di entusiasmo

    BARBERINO TAVARNELLE – Sabato 27 giugno si è conclusa l’annata lionistica 2019/2020 con una bellissima conviviale a Borgo di Cortefreda Relais (Barberino Tavarnelle).

    Finalmente, dopo diversi mesi, i soci del Lions Club Barberino Montelibertas si sono potuti ritrovare, ovviamente mantenendo la distanza interpersonale e rispettando le normative anti contagio.

    Non solo per salutarsi e per trascorrere del tempo insieme, ma anche e soprattutto per una cerimonia molto importante: il passaggio della campana.

    Infatti, dopo tre anni di mandato, il presidente Virdi Sukhwant Singh, con il suo immancabile sorriso, ha passato il testimone a Lia Corsi, fino ad ora segreteria, sempre piena di energie e di entusiasmo.

    Presenti, oltre ai soci, anche il presidente della Prima Circoscrizione Laura Doni, il sindaco di Barberino Tavarnelle David Baroncelli e il Luogotenente dei carabinieri, comandante dalla stazione di Barberino Tavarnelle, Giuseppe Cantarero.

    Si è cominciato con un bell’aperitivo all’aperto. Poi la cena nella sala.  Nel corso della serata al socio Paolo Sardelli è stato assegnato il premio del Centenario-livello diamante, per aver contribuito alla crescita del club.

    Il momento sicuramente più emozionante è stato il passaggio della campana. Accompagnato dai discorsi del presidente uscente, Virdi, e della presidente entrante, Lia Corsi.

    “Sono felice di passare il testimone a Lia – a parlare è Virdi Sukhwant Singh – che in questi anni è stata una segretaria eccezionale. E sono felice di essere qui con voi questa sera, dopo il periodo difficile che tutti noi abbiamo attraversato”.

    “Un grazie speciale – prosegue – va al tesoriere Graziano Turacchi, al cerimoniere Rita Catarzi, a Paolo Sardelli, responsabile di “Medici in Piazza”, e a tutti i soci. Senza il loro tempo e le loro energie non avremmo potuto fare ciò che abbiamo fatto. Grazie per avermi dato fiducia”.

    “Un ringraziamento – aggiunge – va anche al sindaco e all’amministrazione comunale per averci sempre sostenuto, all’Istituto Comprensivo Don Milani (con cui abbiamo intrapreso molti progetti, tra cui “Seleggo” per combattere la dislessia) e alla Misericordia per la sua disponibilità”.

    “Quest’anno è stato particolare – spiega – Fino a febbraio abbiamo realizzato i progetti in programma. Da quando è scoppiata la pandemia simo stati presenti laddove c’era bisogno. Alcune iniziative sono saltate, ma sono sicuro che l’anno prossimo con Lia recupereremo”.

    “In questa esperienza di presidente durata tre anni – dice Virdi emozionato – ho imparato tanto. Sono fiero di aver lavorato con persone in gamba e altruiste. Ho avuto tantissime soddisfazioni”.

    “E’ arrivato il momento da me al contempo atteso e temuto – prende la parola Lia Corsi – Temuto a maggior ragione perché la prossima sarà un’annata diversa dalle precedenti. Forse dovremo accantonare alcuni progetti per dedicarci prevalentemente al settore sanitario e sociale”.

    “Ringrazio di cuore Virdi – conclude Lia – che ha permesso che tutti noi facessimo la nostra parte. Sono onorata di ricoprire questo importante incarico. Sicuramente non sarà facile, ma ce la metterò tutta”.

    Per finire, l’omaggio a Virdi, che ha ricevuto il martelletto. E poi un regalo per tutti i presenti: una mascherina con il logo dei Lions.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...