spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’OPC studia l’applicazione della prima stazione meteo tascabile e mobile d’Italia

    Il team dell'Osservatorio sta sperimentando le potenzialità del piccolo e sofisticato dispositivo elettronico in modo da renderlo uno strumento a portata di cittadino

    BARBERINO TAVARNELLE – L’Osservatorio Polifunzionale del Chianti fiorentino è tra le prime realtà pubbliche italiane a collaborare nella progettazione e nell’applicazione scientifica del Meteo Tracker.

    Un inedito modello di stazione meteo mobile e tascabile, dotato di GPS, che permette di misurare quota, umidità, pressione, altitudine in qualunque luogo ci si trovi.

    Il team dell’Osservatorio, diretto dal responsabile scientifico l’astronomo Emanuele Pace, ne sta sperimentando le potenzialità per rendere il piccolo e sofisticato dispositivo elettronico, nato da una startup di Cagliari, uno strumento a portata di cittadino, viaggiatore, turista, ciclista, guida ambientale, pendolare.

    “E’ un progetto dall’alta valenza scientifica, che proponiamo come veicolo di conoscenza del meteo da impiegare in ogni aspetto della vita quotidiana” commentano i volontari scientifici che se ne stanno occupando, Simone Nardini e Leonardo Salvini.

    Perché, evidenziano, “non si tratta solo di un’attività sperimentale per addetti ai lavori, finalizzata allo studio e all’elaborazione di una mappatura del microclima chiantigiano, ma può essere applicato sullo zaino di un escursionista o di un camminatore. Sul cruscotto di un’auto, di un bus, può essere utilizzato da velivoli e imbarcazioni e trasmettere con efficacia e rapidità, pur essendo in movimento, i dati relativi al meteo”.

    Quanti gradi ci sono, farà freddo dove stiamo andando, qual è stata la località più fredda stanotte?

    Il Meteo Tracker sarà in grado di rispondere a tutte queste domande essendo dotato di un sistema a basso costo e ad alta precisione per l’acquisizione mobile e il monitoraggio dei dati meteorologici.

    “Siamo orgogliosi di avere una comunità scientifica, costituita da volontari e illustri esperti che gravitano intorno all’Osservatorio – sottolinea il sindaco David Baroncelli – il progetto relativo alla stazione meteo che viaggia con noi, sperimentato nella nostra struttura, funzionale alla raccolta e alla gestione dei dati meteo e ambientali, può diventare una grande opportunità di miglioramento per la vita di ognuno di noi”.

    “Oltre ad effettuare indagini scientifiche di respiro internazionale – aggiunge l’assessore alla cultura Giacomo Trentanovi – l’osservatorio si alimenta costantemente del suo rapporto con la comunità, attraendo visitatori da tutta Italia in collaborazione con l’associazione Amici dell’Opc”.

    Info: http://www.osservatoriochianti.it/.

    Meteo Tracker è un prodotto di IoTopon srl, una startup innovativa focalizzata sull’Internet of Things, che si avvale di dispositivi per l’acquisizione di dati mobili connessi a piattaforme sw completamente integrate.

    Il Meteo Tracker potrà trasformare potenzialmente qualsiasi veicolo in una stazione meteorologica in viaggio.

    L’Osservatorio polifunzionale del Chianti fiorentino è caratterizzato da quattro sezioni: meteo, ambientale, sismica e astronomica.

    La struttura di proprietà del Comune di Barberino Tavarnelle è uno dei centri di eccellenza a livello internazionale per lo studio degli esopianeti e si arricchisce di nuove potenzialità con un’attività di ricerca che mette in campo vari progetti sui fenomeni atmosferici. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...