spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Miss Toscana per Miss Italia, scelto il primo gruppo di concorrenti: si parte dalla Sambuca

    La prima sfilata del lungo tour estivo in tutta la regione si terrà infatti al campo sportivo sambuchino, per la tradizionale serata finale della Sagra della Frittella fior di cascia

    FIRENZE – Sabato 4 giugno si è svolto presso la discoteca Don Carlos di Chiesina Uzzanese il primo casting regionale per le ragazze al momento iscritte all’83esima edizione del concorso di Miss Italia 2022 per la Toscana.

    Veramente nutrito il gruppo di partecipanti provenienti da varie località della nostra regione, che si sono presentate singolarmente davanti alla giuria tecnica presieduta da Alessandro Fontanelli, coordinatore stilisti new look, per cercare di ottenere la possibilità di accedere alle varie selezioni che si svolgeranno nei mesi di giugno, luglio ed agosto in tutta la regione.

    Al termine dello scrutinio la commissione tecnica ha selezionato un primo gruppo di 40 concorrenti che potranno partecipare ad alcune delle seguenti selezioni programmate per il mese di giugno.

    E, come possiamo vedere, l’esordio ufficiale sarà alla Sambuca, alla Sagra della Frittella Fior di cascia.

    • Domenica 12 giugno: campo sportivo di Sambuca (Barberino Tavarnelle)
    • Mercoledì 15 giugno: piazza Marchesi a Montevarchi
    • Sabato 18 giugno: piazza Del Popolo a Ginestra Fiorentina
    • Giovedì 23 giugno: ristorante Parco la Ragnaia, località Carraia di Calenzano

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...