spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Morrocco in festa per i 50 anni di relazioni tra il Monastero di Santa Maria del Carmine e l’Australia

    L'iniziativa è stata celebrata insieme ad un gruppo di studentesse australiane del Siena College

    MORROCCO (BARBERINO TAVARNELLE) – Monache carmelitane, studentesse iscritte al Siena College Camberwell, rappresentanti religiosi e figure istituzionali italiane e australiane.

    Insieme per progettare il futuro del Monastero di Santa Maria del Carmine, al Morrocco, che si lega a doppio filo ad un nuovo percorso di formazione ed educazione rivolto alle nuove generazioni.

    L’occasione è stata offerta dalle celebrazioni del cinquantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche fra l’Australia e la Santa Sede.

    Un’iniziativa partecipata dai residenti del borgo del Morrocco, che ha reso omaggio alla presenza nel territorio delle monache carmelitane da quasi 40 anni. E ha sancito una relazione longeva che ha mezzo secolo di vita.

    L’iniziativa, promossa e organizzata dall’Arcidiocesi Firenze, dal Siena College Camberwell, dall’Australia Holy see, è consistita nella celebrazione della Santa Messa, arricchita da letture e riflessioni, e in un’occasione conviviale aperta alla comunità che ha visto la partecipazione di una quindicina di studentesse australiane del Siena College.

    Sono intervenuti Monsignor Giancarlo Corti Vicario Generale, le suore del Monastero, l’Ambasciatrice Australiana alla Santa Sede Chiara Porro, la vicepreside del Siena College Camberwell Antonella Rosati, la direttrice per lo sviluppo del Siena College Camberwell Tracy Grobeelaar.

    Tra le istituzioni locali hanno preso parte all’evento il sindaco David Baroncelli, l’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani, il presidente del consiglio comunale Alberto Marini, la dirigente scolastica dell’istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani” Anna Maria Pia Misiti, il luogotenente della Stazione dei carabinieri di Barberino Tavarnelle Giuseppe Cantarero.

    Le studentesse, che da alcuni giorni si trovano a Barberino Tavarnelle, hanno incontrato gli allievi e le allieve dell’Istituto Comprensivo “Don Lorenzo Milani” e condiviso con i ragazzi della scuola secondaria di primo grado momenti di scambio culturale e linguistico.

    “Nel ringraziare le suore per tutto il lavoro svolto in questi anni, un punto di riferimento sul piano religioso e sociale per la nostra comunità – dichiara il sindaco David Baroncelli – siamo felici di sapere che si stanno muovendo i primi passi per la riqualificazione del complesso religioso del Monastero, struttura secolare di pregio storico-architettonico”.

    “E per la creazione di un progetto Erasmus – ha concluso – costituito da specifici seminari, rivolto alle studentesse australiane attraverso la stretta collaborazione con il Siena College”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...