spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Natale solidale: la comunità di Barberino Tavarnelle a sostegno dei più deboli

    L'Emporio del Riuso, aperto tutto l'anno, svolge un'attività umanitaria dedicata alle famiglie del territorio e ai più bisognosi di tutta Italia

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Natale dell’Emporio Solidalr di Barberino Tavarnelle è ancora più sostenibile e ricco di solidarietà.

    La rete di collaborazioni che il centro, nato nel 2013, ha instaurato con numerose associazioni disseminate in tutta la penisola fa crescere gli obiettivi umanitari e ambientali di un’attività che si basa esclusivamente sulla cultura del volontariato e sulla generosità dei cittadini a sostegno dei più deboli.

    Il riuso e il riciclo di indumenti e oggetti di vario genere è il miglior testimonial per la realtà solidale della Misericordia di Barberino Tavarnelle, presieduta da Paolo Naldini, che opera a titolo volontario a favore dei più fragili.

    Sono tante le mani dei volontari che si adoperano per dare una risposta a chi vuole liberarsi di oggetti, finiti in soffitta, prima di diventare rifiuto, e soprattutto tendere verso i bisogni di coloro che vivono in condizioni di difficoltà sul piano economico e sociale, nel territorio locale e nazionale.

    L’Emporio del Riuso e della Solidarietà di Barberino Tavarnelle, che opera nella sede nei locali di proprietà comunale, l’ex scuola elementare di Barberino Val d’Elsa (via Semifonte, 7), si intensifica ed estende le proprie collaborazioni con varie aree della Toscana e dell’Italia.

    Tra le altre realtà ci sono la Caritas, la Parrocchia di Vicofaro, l’associazione Pantagruel, il quartiere zen di Palermo, Linea d’ombra di Trieste, Scampia, le parrocchie di Sant’Andrea in Percussina e San Pancrazio, Black And White – Associazione Padri Comboniani Castel Volturno, Padre Valer Scilian della Comunità greco ortodossa romana Firenze, Figli in Famiglia Onlus – San Giovanni a Teduccio, il Centro Missionario Medicinali e il Centro aiuto alla vita di Firenze.

    “Un ringraziamento – dichiarano i volontari – alla popolazione che dona e a tutti coloro che dedicano del loro tempo, perché credono sia nel riciclo che nell’aiuto verso chi ha più bisogno, per noi è una attività straordinaria che riempie di gioia, allegria e soddisfazione e che negli anni ha contribuito a stimolare una presa di coscienza nella comunità rispetto alla cultura del dono e alla pratica del riuso”.

    “L’emporio funziona grazie all’attività dei volontari – aggiungono – rivolgiamo un appello a tutti coloro che possono dare una mano e aggiungersi al nostro gruppo, considerando la moltiplicazione dei contatti con le tante realtà italiane che abbiamo attivato e portiamo avanti da otto anni”.

    L’attività dei volontari, fondamentale per la tenuta e la coesione sociale del territorio, è incessante ed è operativa tutto l’anno, a disposizione di tutti.

    In questi giorni di festa, in particolare, i volontari hanno preparato delle confezioni regalo con gli oggetti donati dai cittadini.

    Ci si può recare per consegnare oggetti e indumenti che non servono più o ritirare ciò di cui si ha bisogno nei giorni martedì, giovedì, venerdì ore 16-19, mercoledì ore 9-12 e sabato tutto il giorno. Info: 3316466571.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...