spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Opere pubbliche a Barberino Tavarnelle: “4 milioni di euro fra cantieri aperti e lavori finanziati”

    Il punto della situazione del sindaco David Baroncelli e dell'assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani

    BARBERINO TAVARNELLE – A Barberino Tavarnelle la giunta guidata dal sindaco David Baroncelli investe sulla rigenerazione degli immobili storici e la realizzazione di nuovi spazi, tra impianti indoor e outdoor.

    Per un totale di interventi che ammontano a oltre 4milioni di euro, tra cantieri aperti in questo momento e opere finanziate.

    “La Barberino Tavarnelle che sta cambiando il suo volto guarda al futuro e alle esigenze dei più giovani – dichiara il sindaco  Baroncelli – gli investimenti puntuali, frutto di quell’importante percorso istituzionale che ha portato alla riunificazione nel 2019, scaturiscono dalla visione chiara di una comunità unita e aperta, nella complessità del difficile momento che stiamo vivendo sono anche risposte puntuali al bisogno dei più giovani di tornare a vivere e coltivare interessi e vocazioni per la cultura, la socialità, la formazione e lo sport”.

    Sono il primo cittadino e l’assessore ai lavori pubblici Roberto Fontani ad illustrare nel dettaglio gli interventi in fase di realizzazione, disseminati in varie località, da nord a sud del territorio di Barberino Tavarnelle.

    “Uno dei più importanti interventi in corso è realizzazione è la palestra che sorgerà nel campo regolamentare di Barberino Val d’Elsa – spiega il sindaco – lo spazio, investimento da un milione di euro, è destinato allo svolgimento degli allenamenti e delle partite degli sport di squadra come la pallamano, la pallacanestro, la pallavolo, il tennis”. 

    L’impianto si configura come una tensostruttura in legno lamellare in grado di accogliere le manifestazioni sportive indoor.

    E’ prevista inoltre la realizzazione di un parcheggio in via Alessandro Manzoni, con l’obiettivo di creare una zona di accesso all’impianto sportivo e alla nuova palestra per una spesa pari a 100mila euro.

    La palestra ospiterà le attività indoor fino alla completa ristrutturazione della palestra Biagi per la quale prosegue la progettazione. Dopo la ricostruzione di quest’ultima, la palestra polivalente dell’area sportiva di Barberino ospiterà la nuova struttura coperta definitiva per campi da tennis.

    Altro nuovo impianto a disposizione della formazione e della cultura sportiva è lo spazio motorio di cui sono in corso i lavori nei locali sottostanti la scuola primaria “Andrea da Barberino”.

    Per un investimento del valore di 500mila euro l’amministrazione comunale sta portando avanti la costruzione di una palestra polivalente destinata alle attività motorie degli studenti e alla formazione delle atlete di ginnastica artistica per la quale sono stati studiati ambienti ad hoc.

    “Stanno procedendo anche i lavori per la nascita del Palazzo della Cultura di Barberino Tavarnelle – fa sapere il sindaco – un punto di riferimento polivalente per la vitalità e il dinamismo sociale del territorio”.

    Nello storico edificio di inizio Novecento, situato in piazza Matteotti, che sarà integralmente ristrutturato con un investimento pari a 700mila euro, troveranno spazio la biblioteca comunale, sale per le adunanze consiliari e di rappresentanza, eventi culturali e di promozione turistica e territoriale.

    Nell’area sud di Barberino Tavarnelle, in località Zambra, per un importo che ha previsto una spesa pari a circa 100mila euro il Comune ha dato avvio ai lavori per la realizzazione dei giardini pubblici della frazione. 

    Un’area della superficie di 2.500 metri quadrati che il Comune, dopo esserne entrato in possesso, si è impegnato a convertire in uno spazio verde attrezzato.

    Manutenzione stradale e messa in sicurezza idraulica del territorio sono le altre priorità della giunta comunale. 

    “Per quanto riguarda la frazione di Sambuca – aggiunge l’assessore Roberto Fontani – abbiamo messo mano alla risistemazione dell’antica via Senese, interessata da un intervento di asfaltatura, nel tratto compreso tra il borro di Fiammeri e la strada Provinciale per San Donato”.

    L’amministrazione comunale ha portato a termine anche due importanti interventi di asfaltatura, agendo nei punti più degradati delle viabilità: il primo lungo la strada Morrocco-Sambuca, il secondo nella circonvallazione di Tavarnelle che conduce alla rotonda di via della Pace.

    Tanti anche gli interventi, già finanziati, per i quali sono in fase di elaborazione le relative progettazioni.

    “Il Comune dedica impegno e risorse all’area progettazione – annuncia il sindaco Baroncelli – il nostro ufficio, dotato di alte professionalità, sta lavorando all’esecuzione di tanti interventi, tra i più significativi quelli relativi alla rigenerazione urbana di Barberino Val d’Elsa, nell’area centrale di piazza Mazzini, la risistemazione complessiva dell’area del Bacìo, lungo le antiche mura di San Donato, accompagnata dalla realizzazione di parcheggi, giardini e aree verdi in via Giotto, la rivisitazione estetica e funzionale della terrazza panoramica di Barberino Val d’Elsa, la realizzazione del marciapiedi e la riqualificazione della piazza della frazione di Sambuca, l’ampliamento del cimitero comunale di Barberino Val d’Elsa, il percorso pedonale tra Tavarnelle e Noce e altri camminamenti, finalizzati ad unire i centri abitati di Tavarnelle e Marcialla e Tavarnelle e Tignano”. 

    Sotto il profilo idraulico è in fase di realizzazione la redazione del progetto esecutivo per la messa in sicurezza del ponte del Bozzone, nei pressi di Sant’Appiano, e di tutta l’area circostante. Il progetto è finanziato con risorse ministeriali.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...