spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Orti urbani in via don Minzoni assegnati ufficialmente ai cittadini vincitori del bando

    Studenti, insegnanti, musicisti, attori, agricoltori: giovani e anziani, normodotati e diversamente abili uniti dal desiderio di vivere sani

    BARBERINO TAVARNELLE – E’ nata una piccola grande comunità, quella degli orti sociali di Barberino Tavarnelle, attratta dall’amore per l’agricoltura sostenibile, inclusiva, aggregativa, solidale.

    Studenti, insegnanti, musicisti, attori, agricoltori, giovani e anziani, normodotati e diversamente abili.

    Cittadini di tutte le età e di diversa provenienza, di origine italiana e straniera, condivideranno interessi e lavoreranno la terra insieme, accomunati dal desiderio di vivere sani, coltivare la passione per l’orticultura biologica in un ambiente accogliente e a stretto contatto con la natura.

    Con i volti, i sogni e le aspettative di otto cittadini e dell’associazione “Ci Incontriamo” è appena partita l’esperienza della gestione collettiva di 10 orti urbani, un complesso di proprietà pubblica situato in via Don Minzoni, messo a disposizione dal Comune di Barberino Tavarnelle nell’ambito del progetto regionale 100mila Orti in Toscana cui l’ente locale ha aderito.

    A proclamare ufficialmente, con la consegna dei cartellini identificativi per ciascun orto, le cittadine e i cittadini risultati assegnatari dalla graduatoria definitiva stilata dal Comune, sono stati il sindaco David Baroncelli, l’assessore Serena Fedi e la responsabile dell’ufficio ambiente Serena Losi.

    Da qualche giorno gli orti urbani di via Don Minzoni sono passati nelle mani di Vincenzo Petirro, Serena Mugnai, Francesco Ceccarelli, Singh Udhey Karanbir, Giovanni Fontani, Stefania Castorina, Stefania Dei, Arinze Sylvester Uchenna, Maria Cristina Galletti

    Il Comune ha affidato la gestione del complesso degli orti urbani di via Don Minzoni all’associazione Ci Incontriamo, presieduta da Giovanni Cirillo.

    “Gli orti sociali di Barberino Tavarnelle – ha dichiarato l’assessora all’ambiente Serena Fedi – saranno un luogo di pace e conoscenza reciproca, dove le persone potranno ammirarsi per come sono e apprezzarsi per quello che sanno fare. Un ambiente in cui le idee potranno circolare e il patrimonio di uno diventa quello dell’intera comunità”.

    “Il progetto entra in campo anche come percorso di inclusione sociale – ha aggiunto il sindaco David Baroncelli – incontrarsi e assistere alla nascita e allo sviluppo di piante e ortaggi favorisce la creazione di occasioni di scambio e confronto tra nuovi gruppi di persone la cui miscela di competenze, esperienze e origini rappresenta una fonte preziosa di arricchimento, interazione e unione tra culture diverse”.

    Oltre a quello sociale, il beneficio che deriva dalla creazione di nuove aree verdi che promuovono la biodiversità, andrà a favore dell’ambiente.

    “Gli orti urbani – aggiunge l’assessore Fedi – saranno importantissimi strumenti tesi a regolare il microclima locale”.

    Gli ortisti, appena ricevute le “chiavi” di accesso ai loro piccoli giardini biologici, sanno già cosa piantare e far crescere negli orti urbani.

    C’è chi pensa alle zucchine, alle cipolle e ai pomodori, altri “investiranno” sulle verdure a foglia verde quali spinaci, bietola, cavolo nero, cavolo, e lattughe, altri ancora sulle melanzane, sui fagiolini e sulle erbe aromatiche.

    Il Comune ha utilizzato e riqualificato alcuni terreni pubblici incolti per la realizzazione degli orti urbani con l’obiettivo di assegnare un complesso di aree attrezzate, finalizzate alla coltivazione orticola domestica.

    Gli appezzamenti realizzati dalla giunta comunale sono complessivamente dieci, due dei quali sono affidati al del concessionario, l’associazione Ci Incontriamo che provvede ad attrezzarli per favorire la coltivazione da parte dei membri dell’associazione diversamente abili.

    Gli appezzamenti hanno una superficie di circa 40 metri quadri ciascuno sono dotati di presa d’acqua per irrigazione e possono essere coltivati solo per uso familiare secondo quanto stabilito dal regolamento.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...