spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pesce Estroverso: quando la collaborazione fra aziende del territorio crea una bella serata

    Sabato 30 luglio una cena a base di pesce organizzata in collaborazione fra SiChef Cooking Experience e la Cantina Poggio al Bosco: il menu e le info per partecipare

    BARBERINO TAVARNELLE – Si terrà sabato 30 luglio una cena a base di pesce organizzata in collaborazione fra SiChef Cooking Experience e la Cantina Poggio al Bosco, che in questa occasione presenterà l’annata 2021 del suo rosè Estroverso.

    La serata nasce da un’idea di Elena Boschini (Cantina Poggio al Bosco) e Cosimo Bacci (SiChef Cooking Experience e Oceanya.it) convinti entrambi che le collaborazioni fra le aziende del territorio siamo la ninfa vitale per alzare il livello dell’accoglienza e delle esperienze, anche eno-gastronomiche che possiamo offrire.

    Il menù è stato studiato dallo chef Yuri Ferrara (coaudivato dalla resident chef Beatrice Baschieri) per esaltare al meglio l’Estroversoper esaltare al massimo il buonissimo vino rosè della Cantina Poggio al Bosco, Estroverso.

    Ecco i piatti che saranno preparati.

    Antipasto

    Tartare di Tonno, gamberetti croccanti con maionese agli agrumi e crostone di alici marinate con burrata

    Primo piatto

    Paccheri al gambero con fiori di zucca, filangè di pomodorino secco e granella di pistacchio

    Secondo piatto

    Baccalà in guazzetto alla ligure con zucchine

    Dessert

    Sgroppino al limone con prosecco e vodka

    Panna Cotta alla menta e cioccolato

    Acqua e vino (rigorosamente Estroverso 2021) sono inclusi. Quota: 35 euro.

    Per info e prenotazioni: https://www.sichef.cooking/pesce-estroverso/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...