spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Giugno 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Poggio al Vento: addio a Fortunata Casagrande. Donna forte in una famiglia di taglialegna chiantigiani

    Nel borgo nei pressi di Badia a Passignano fu lei a voler ridare vita, oltre trent'anni fa, alla Festa di Sant'Andrea: quando friggeva i bomboloni e li offriva a tutti

    BADIA A PASSIGNANO (BARBERINO TAVARNELLE) – Il 30 maggio aveva festeggiato ottantaquattro anni, circondata dall’affetto dei suoi cari.

    Ma dopo due settimane, nel pomeriggio del 14 giugno, Fortunata Simonelli nei Casagrande è venuta a mancare.

    Fortunata era nata a Umbertide, in Umbria: dopo varie “tappe” era arrivata a vivere nel comune di Barberino Tavarnelle.

    Esattamente a Badia a Passignano, a pochi passi dal monastero, dove aveva messo su famiglia sposando Salvatore (anche lui venuto a mancare). E lavorando come mezzadri.

    Da lì si spostarono, per andare a vivere nel piccolo (e bellissimo) borgo di Poggio a Vento, in mezzo ai boschi che si affacciano su Badia a Passignano.

    Dal matrimonio nacquero tre figli maschi e due femmine. Fortunata è stata una donna semplice, che è riuscita ad accudire e portare avanti la famiglia nel duro lavoro. Della campagna prima e, poi, come boscaioli.

    I Casagrande infatti sono molto conosciuti e stimati sia a Badia a Passignano, dove operano ancora come instancabili taglialegna, e a Tavarnelle.

    Fu proprio la famiglia Casagrande, circa trentaquattro anni, fa a voler ridar vita alla festa di Sant’Andrea, a Poggio al Vento.

    Recuperando la cappella che fino a pochi anni prima era adibita a ricovero per le pecore (e successivamente restaurata dai Lions): che per l’occasione della festa del santo, Fortunata friggeva i bomboloni e li offriva ai presenti dopo la Santa Messa.

    Bravissima in cucina, tanto che sono indimenticabili (per chi ha avuto la fortuna di mangiarle) le sue tagliatelle fatte a mano.

    La salma oggi riposa nel piccolo cimitero di Badia a Passignano. I figli, i nipoti, i generi, le nuore e chi l’ha conosciuta, la ricordano con particolare affetto. 

    Una delle feste di Sant’Andrea, a Poggio al Vento, con gli indimenticabili bomboloni preparati da Fortunata

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...