spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Si presentano gli “eredi” della Gymero Tavarnelle (che saluta dopo 18 anni)

    TAVARNELLE – Re-inventarsi un lavoro, una vita. Scommettere su se stessi, senza troppi calcoli, ma facendosi guidare dall’istinto e dalla passione: è quello che è accaduto a un ex dipendente della Pieralisi di Sambuca e al proprietario di un negozio di fiori, che domenica 8 settembre hanno ufficialmente tagliato il nastro della loro nuova palestra.

    Stiamo parlando della Pura Vida Fitness, che raccoglie l’eredità della Gymero e rilancia verso il futuro. Infatti a luglio c’è stato il passaggio di consegne. Antonio De Lisi, ex proprietario della palestra Gymero Tavarnelle insieme alla moglie Laura, ha ceduto la sua attività a Michele Mazza (33 anni) e Marco Vezzosi (31 anni).

    Prima però, il saluto di chi ha passato il testimone: “Dopo 18 anni – inizia Antonio – in cui siamo stati in campo, non solo come gestori ma anche come istruttori dei corsi, abbiamo capito di essere giunti (a malincuore) al traguardo. Ed abbiamo ritenuto opportuno dare spazio a persone giovani e fresche”.

    “Colgo l’occasione – prosegue – per scusarmi con tutti coloro che non ho potuto accontentare. E coloro con cui ho avuto delle divergenze. In tutti questi anni ho fatto il possibile per garantire una qualità professionale all’avanguardia. Purtroppo, per mantenere saldo l’equilibrio strutturale dell’azienda, sono stato costretto a dire anche qualche no”.

    “Infine – conclude Antonio – ci tengo a ringraziare gli affezionati. Ed anche chi o non ci ha capito o non abbiamo capito. Un saluto speciale va alla nuova gestione, a cui faccio un grande in bocca al lupo”.

    A tal proposito, la riapertura della palestra di Tavarnelle è un progetto che Michele e Marco avevano in cantiere già da qualche tempo. Un sogno nel cassetto. Legato ad una grande passione e completamente diversa dalle loro attività lavorative precedenti.

    Infatti Michele era dipendente della Pieralisi, ditta della  Sambuca. Marco è tutt’ora proprietario di un negozio di fiori, sempre a Sambuca. Per il momento cerca di gestire entrambi gli impegni, ma ha deciso di vendere il negozio. A malincuore.

    “Oltre alla ristrutturazione e alla modernizzazione del locale – raccontano i due – un grande cambiamento sono gli orari. Siamo aperti tutti i giorni feriali dalle 9.30 alle 21.30 e il sabato dalle 10 alle 17. Per venire incontro alle esigenze di chi lavora”.

    “Inoltre – continuano – abbiamo puntato in particolar modo sui corsi, che sono parecchi e diversi rispetto a prima. Tra questi si ricordano Zumba, Brucia Grassi (basato su un programma di dimagrimento), Giocodanza (un insegnamento propedeutico alla danza classica per bambine di età compresa tra i 3 e i 5 anni), Pilates e Walking (camminata sul tappeto)”.

    Infine il significato del nome Pura Vida: “L’ho visto scritto – spiega Marco – durante la mia vacanza in Spagna e mi ha colpito subito. I portoricani usano questa espressione per salutare. È una sorta di filosofia di vita. Io e Michele l’abbiamo interpretata come un invito ad una vita sana. Che è data, tra le altre cose, dall’attività fisica”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...