spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Donato in Poggio, 40 villette con acqua a singhiozzo: famiglie stremate

    "Il gestore del servizio idrico ci risponde in mille modi diversi. Il risultato è che per giorni non c'è stato verso di lavarsi neanche la faccia"

    SAN DONATO IN POGGIO (BARBERINO TAVARNELLE) – Agosto. Caldo torrido. Case con anziani, bambini, animali. E dai rubinetti, acqua con il contagocce oppure… neanche quella.

    Sta accadendo alle famiglie che vivono in una quarantina di villette a San Donato in Poggio, nella zona di San Martino a Cozzi, prima del paese (arrivando da Tavarnelle).

    Gli ultimi due giorni sono stati da incubo, con i rubinetti praticamente a secco.

    Stamani mattina, domenica 15 agosto, è arrivato un tecnico e con una manovra un “filo” d’acqua è tornato.

    “Giusto per poter riempire gli impianti di scarico o poco più – ci dice una delle residenti che hanno contattato la redazione del Gazzettino del Chianti – ma già sappiamo che questo disagio andrà avanti”.

    “A stamani – prosegue – erano due giorni che l’intero condominio era senza acqua, dalle 20 alle 10 del mattino”.

    “E nel resto della giornata – dice ancora – appena un filo. Già da due settimane Publiacqua ha ridotto la pressione”.

    “Il gestore del servizio idrico – ci dice un’altra residente in questo villaggio-condominio – ci risponde in mille modi diversi”.

    “Che c’è un problema di morosità – aggiunge – che non c’è pressione, che c’è un guasto… . Il risultato è che per giorni non c’è stato verso di lavarsi neanche la faccia”.

    Adesso, in questo Ferragosto torrido, un minimo di acqua è tornata. Ma, come detto, il minimo sindacale.

    E, soprattutto, per quanto tempo?

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...