spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Luglio 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sara Fioretto ha presentato la stagione estiva del teatro nel giardino dell’Mcl Tavarnelle

    Dieci spettacoli (di cui due repliche), "all’insegna della leggerezza e del divertimento, volte a dare il bentornato al teatro". Si inizia domenica 27 giugno

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Domenica 13 giugno, nel giardino del circolo Mcl, si è tenuta davanti a un pubblico numeroso la presentazione della rassegna “Teatro giardino”.

    Che, giunta alla sua seconda edizione, si articola in dieci spettacoli (di cui due sono repliche) che verranno messi in scena la sera d’estate (dalle 21.15) nella corte del circolo Mcl.

    “Saranno tutte rappresentazioni all’insegna della leggerezza e del divertimento – commenta Sara Fioretto, organizzatrice dell’iniziativa in collaborazione con il circolo Mcl e il Caffè degli Amici – volte a dare il bentornato al teatro, che è stato uno dei settori più colpiti durante la pandemia”.

    E’ stata una presentazione informale alla quale ha partecipato anche il sindaco David Baroncelli: due attrici della compagnia Chièdiscena (Cristina Brandi e Valentina Sina) hanno letto la sinossi degli spettacoli e Sara Fioretto li ha commentati, aggiungendo aneddoti e curiosità, e per finire… un bel brindisi.

    “Teatro giardino” apre con “Gl’è diffizile”, domenica 27 giugno: uno spettacolo di artisti di strada in cui una famiglia di circensi porterà sul palco storie coinvolgenti.

    Si va avanti con Carlo Goldoni il 3 e il 4 luglio: “Un curioso accidente” è la rivisitazione geniale, curata dal regista Riccardo Giannini, della celebre commedia.

    Il 9 e l’11 luglio “Un giardino di aranci fatto in casa” di Neil Simon: uno spettacolo che ha vinto moltissimi premi, una storia ironica sul rapporto tra padre e figlia. Da non perdere.

    La novità di quest’anno è la proposta delle allieve del laboratorio tenuto da Sara (Viagginpalcoscenico): “Candida” che, il 18 luglio, porterà in scena mimo, clown, recitazione e danza.

    “Partendo da un incipit dato da me, le ragazze hanno scritto lo spettacolo, che è una sorta di sliding doors – spiega Sara – Sono felice che possano esibirsi: è un premio alla loro tenacia, dopo questa difficile annata, in cui per la la maggior parte abbiamo fatto lezione online”.

    “Miss Parker”, il 25 luglio: un monologo telefonico tenuto dall’attrice Chiara Foianesi, un omaggio a una donna degli anni Cinquanta apparentemente perfetta ma in realtà insicura.

    Il primo agosto la violinista Angela Tomei e il polistrumentista Marzio Pinzauti, conosciutisi online durante il lockdown, si incontreranno sul palco per proporre un fantastico live tra classici pop, rock e strumentali (“Bitter sweet”).

    L’8 agosto, con “Zona franca”, verrà raccontata la storia vera di una donna torinese, un personaggio al contempo divertente e malinconico: considerata “la pazza del quartiere”, Franca (questo il nome della protagonista) è in realtà piena di vita.

    “Teatro giardino” conclude la rassegna il 18 agosto con “Barcelona”: il capolavoro realizzato da due icone del mondo musicale, cioè Freddy Mercury e Montserrat Caballè; unione perfetta tra opera e rock.

    “Nonostante venissimo dal periodo difficile del lockdown, la prima edizione è andata molto bene – aggiunge Sara – Mi auguro che anche quest’anno venga tanta gente: c’è bisogno di tornare alla normalità, di svagarsi e divertirsi”.

    “Un ringraziamento speciale – conclude l’organizzatrice – va al circolo Mcl e al Caffè degli Amici che hanno reso possibile la realizzazione del progetto”.

    Si specifica che la prenotazione, da effettuare al 3341338572 o allo 0558077236 o all’indirizzo mail direzioneartisticateatro@gmail.com, è obbligatoria.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...