spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 8 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sinistra Civica Ecologista Barberino Tavarnelle: “No al ridimensionamento del 118”

    "La priorità è che siano reperite le necessarie risorse finanziarie ed umane per garantire i servizi e le prestazioni fondamentali in forma appropriata ed adeguate alle nostre comunità"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Come Sinistra Civica Ecologista siamo fortemente preoccupati del ridimensionamento delle ambulanze con il servizio del medico a bordo”.

    Lo dice SCE di Barberino Tavarnelle, che dice la sua in merito a uno dei temi caldissimi di questa estate 2022 nel nostro territorio.

    “La zona del Chianti fiorentino è un’area vasta – riprendono da SCE – e per la sua morfologia territoriale vive dei costanti disagi di mobilità verso la città di Firenze e verso la struttura ospedaliera di riferimento del Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri”.

    “Il comune di Barberino Tavarnelle – continuano – è anche l’ultimo della provincia di Firenze, confinante con la zona della Vald’Elsa senese ed anche per questo è importante avere la disponibilità di accesso ai servizi e prestazioni sanitarie della struttura ospedaliera di Campostaggia-Poggibonsi”.

    “Abbiamo purtroppo assistito negli anni – accusano – ad una riduzione delle prestazioni della Asl con un significativo disagio per i nostri cittadini dovuto agli spostamenti in altri territori oppure al ricorso a strutture private con un aggravio di costi non banali per le famiglie”.

    “Adesso – incalzano – si prospetta un’ulteriore e pesante penalizzazione, proprio nella organizzazione di un servizio fondamentale quale quello dell’emergenza 118 con l’eliminazione del medico a bordo dell’ambulanza”.

    “La preoccupazione e la protesta è molto diffusa fra i cittadini – puntualizza SCE – basti pensare alla raccolta spontanea delle firme. Concordiamo con il documento sottoscritto dalle associazioni no-profit, presenti nel nostro comune, che da anni sono radicate nel territorio e offrono dei servizi importanti e necessari che quelli pubblici non garantiscono”.

    “Non avendo un presidio ospedaliero vicino – ribadiscono – dobbiamo adoperarci per avere un accesso veloce e sicuro, per questo ribadiamo la nostra assoluta contrarietà alla diminuzione della presenza dei medici sul territorio: ambulatori/ambulanze e strutture”.

    “Ci rivolgiamo pertanto alla Regione Toscana – rilanciano – alla direzione dell’Asl Toscana Centro e della Società della Salute , che devono prendere in seria considerazione la situazione socio-sanitaria dell’intera area e deve adoperarsi per non far arretrare ulteriormente questa zona”.

    “La pandemia Covid-19 – concludono – ha messo ancora più in evidenza l’importanza della salute individuale e collettiva. Siamo convinti inoltre della centralità del servizio pubblico e quindi la priorità che siano reperite le necessarie risorse finanziarie ed umane per garantire i servizi e le prestazioni fondamentali in forma appropriata ed adeguate alle nostre comunità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...