spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Teatro Regina Margherita, una storia di passioni artistiche lunga venti anni. A Marcialla una comunità teatrale 

    Lo stabile riapre i battenti con uno splendido anniversario da celebrare: stagione teatrale con una trentina di proposte in un mix di grande qualità

    MARCIALLA (BARBERINO TAVARNELLE) – Il Teatro comunale “Regina Margherita” di Marcialla, gioiello architettonico della fine del diciottesimo secolo, riapre i battenti con uno speciale anniversario da celebrare.

    Barberino Tavarnelle si prepara a festeggiare venti anni di eventi, risate, emozioni, prove, progetti collettivi che hanno lasciato il segno creando una vera e propria comunità teatrale che coinvolge a vario titolo tutti gli abitanti di Marcialla, cittadine e cittadini di ogni età protagonisti dello spettacolo più bello che c’è, quello della cultura del volontariato artistico.

    A venti anni dalla sua riqualificazione e riapertura il Regina Margherita, uno dei più piccoli e antichi stabili della Toscana di proprietà comunale, torna ad alzare il sipario su una stagione variegata, ricca di colori e sfumature che spaziano dalla prosa contemporanea al jazz, accompagnato da degustazioni di vino, al teatro popolare e vernacolare, dal teatro ragazzi agli eventi a km zero e ai concerti bandistici.

    Caratterizzato da una platea da 90 posti circa, lo spazio pubblico muove, vive e condivide grandi passioni. 

    È il teatro di comunità di Barberino Tavarnelle, che rinnova le radici ben piantate di un progetto culturale coltivato da decine di persone, tra drammaturghi, registi, attori, formatori, autori, che sul palcoscenico portano avanti e condividono talenti, vocazioni e amore per la scena.

    La stagione teatrale che si compone di un mix di una trentina di proposte di qualità, appuntamenti che nel solco della tradizione si propongono di intrattenere piccoli e grandi spettatori fino alla primavera 2023, è stata presentata dal sindaco David Baroncelli e dal presidente dell’associazione culturale Marcialla Damiano Masini.

    Insieme a tutti i volontari che curano le diverse sezioni artistiche e formative del teatro, tra cui il direttore artistico Gianfranco Martinelli, Ruggero Trentanovi, Valentina Paoletti, Ornella Detti, Laura Masini, Italo Pecoretti, Licia Buracchi, Filippo Giachini, Alessio Buti, Francesco Mattonai, Sara Innocenti, Alessandro Scavone.

    “Per questi straordinari venti anni di attività voglio innazitutto ringraziare tutti coloro che si adoperano, artisti, tecnici, organizzatori, perché questo teatro viva e perché si riesca a dare una programmazione di qualità” dichiara il sindaco David Baroncelli.

    “Il nostro teatro – afferma orgoglioso – è un punto di riferimento culturale importante sul territorio, è un lavoro corale di tante teste e cuori. Il primo elemento per far vivere luoghi e spazi creativi del teatro, di cui troppo spesso si parla e che troppo poco si frequentano, è promuoverli attivamente, a partire dall’attività che ciascuno di noi nel ruolo di cittadini può contribuire a realizzare”.

    La stagione teatrale è promossa e finanziata dal Comune di Barberino Tavarnelle e organizzata dall’associazione culturale Marcialla, in collaborazione con la Regione Toscana, la Città Metropolitana di Firenze, Music Pool, La Botteguccia e Teatro Riflesso.

    Tanti i nomi e i titoli del ricco carnet che rendono speciale il ventennale del Regina Margherita come gli attori e registi Alessandro Benvenuti, Maria Cassi e Leonardo Brizzi, Sergio Berti, Nicola Pesaresi, i musicisti Antonello Salis, Stefano Cocco Cantini, Ferruccio Spinetti, solo per citarne alcuni.

    Il programma entra nel vivo domenica 20 novembre con la pluripremiata pièce “Prestazione occasionale”, evento che inaugura la sezione teatro a km 0, presentato da “Futura Teatro” mentre sabato 26 e domenica 27 il sipario si alza sul teatro popolare toscano con “L’Altro Teatro” che mette in scena “Matrimonio in bianco o… Nero”.

    “Ogni anno si entra in una storia diversa, un luogo di divagazione ma anche un luogo di riflessione e di stimoli – continua il primo cittadino – ogni anno si produce qualcosa che entra nel profondo con l’unico obiettivo di produrre cultura e migliorare la qualità della vita della nostra comunità, anche quest’anno il cartellone è frutto del lavoro di tutta la nostra comunità alla quale rivolgo un particolare plauso”.

    “Un ringraziamento speciale – conclude – alla persona che ha fondato e costruito i pilastri artistici del Regina Margherita dalla sua rinascita, il direttore artistico Gianfranco Martinelli”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua