spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tpl. Cinque corse ripristinate per il territorio di Barberino Tavarnelle. E altre in arrivo per San Casciano

    La buona notizia è che anche per il territorio di San Casciano è previsto il ripristino di alcune corse nella fascia mattutina

    CHIANTI FIORENTINO – Sono cinque le corse Autolinee Chianti Valdarno del Trasporto pubblico locale, reintrodotte a favore del territorio di Barberino Tavarnelle in direzione Firenze e funzionali al collegamento tra le frazioni.

    Dopo la soppressione a causa della lockdown, legato all’emergenza sanitaria da Covid-19, sono state ripristinate le corse feriali delle ore 5.52 (Barberino, Tavarnelle, Ponte Nuovo, Sambuca campo sportivo, Bargino Superstrada Firenze), delle ore 6.50 (Firenze superstrada San Casciano, Calzaiolo, Superstrada, Sambuca, San Donato, Morrocco Tavarnelle), la corsa feriale delle ore 8 (Tavarnelle, Morrocco, Sambuca, San Donato, Morrocco, Tavarnelle) e infine quella delle ore 11.10 (Tavarnelle, Morrocco, Sambuca, San Donato, Morrocco, Tavarnelle).  

    Tra le più attese e richieste dalla comunità la corsa che è stata riattivata, già dai primi di luglio, è quella feriale, escluso il sabato, delle ore 15.30 proveniente da Firenze e diretta a Barberino Val d’Elsa, con la quale il Chianti recupera un servizio importante nella fascia pomeridiana, interrotto in tempo di Covid.

    Il percorso è Firenze, Falciani, San Casciano, Bargino, Sambuca Campo Sportivo, Pontenuovo, Tavarnelle – Barberino Val d’Elsa.

    “Si tratta di un risultato importantissimo – dichiara Serena Fedi, assessore al Tpl del Comune di Barberino Tavarnelle  – e giunge a conclusione di un lavoro di rete tra Comune e Città metropolitana”.

    “Dopo aver raccolto le istanze dei cittadini, interpellati uno ad uno – aggiunge – ho incontrato e condiviso tali criticità con il consigliere della Città Metropolitana delegato al Trasporto pubblico locale Francesco Casini che ha svolto un lavoro puntuale impegnandosi a dare risposta alle nostre richieste, per questo lo ringraziamo”. 

    Il ripristino di queste corse è stato inoltre raggiunto in un momento estremamente complesso dovuto al passaggio dal gestore attuale ad Autolinee Toscane previsto l’1 di agosto 2020.

    “Quello che siamo riusciti ad ottenere per i nostri cittadini – prosegue l’assessore Fedi –  è una conquista che ha un grande valore sociale, soprattutto in questo periodo. Il potersi muovere e spostare da un luogo all’altro, da casa propria verso il mercato e i servizi dei centri più ampi, restituisce un prezioso senso di libertà, un ritorno alla normalità dopo il lockdown”.

    “Mi riferisco – conlcude Fedi – in particolar modo alle persone, cittadine e cittadini, che vivono sole, agli anziani che risiedono in aree decentrate e di campagna e hanno difficoltà nella mobilità, il servizio di trasporto pubblico favorisce la loro autonomia e contribuisce a farli sentire parte integrante della comunità”.

    Buone nuove arrivano anche sul fronte sancascianese.

    “Ci siamo confrontati in più occasioni sulle criticità presenti nel nostro territorio con il consigliere delegato Francesco Casini – aggiunge Elisabetta Masti, assessore al Tpl del Comune di San Casciano – abbiamo avuto rassicurazioni importanti sul ripristino delle corse soppresse su San Casciano, nella fascia mattutina, il lavoro di condivisione e operatività che stiamo facendo con il consigliere Casini è molto proficuo e rivela grande attenzione alle problematiche locali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...