spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Zambra: il sindaco intima a Rete Ferroviaria Italiana di aprire il passaggio a livello

    In caso di piena dell'Elsa 22 famiglie dell'abitato del Mulino rimarrebbero intrappolate

    ZAMBRA (BARBERINO VAL D'ELSA) – Il sindaco di Barberino Val d'Elsa Giacomo Trentanovi firma e inoltra una richiesta di intervento immediata e urgente per il ripristino di una situazione di emergenza verificatasi nell’area sud del territorio comunale, in corrispondenza del Mulino della Zambra.

     

    “Il rischio che le forti piogge – dice – tipiche della stagione autunnale alle porte, rendano inagibile il ponte e mettano in pericolo le famiglie residenti nell’abitato del Mulino è elevatissimo. Mi rivolgo in particolar modo alla Rete Ferroviaria Italiana per la riapertura immediata del passaggio a livello della Zambra, in attesa della piena funzionalità della strada di emergenza parzialmente realizzata, in collaborazione con la Regione Toscana e la Provincia di Siena”.

     

    La voce del sindaco Trentanovi si alza per richiamare l’attenzione sulla necessità, non più rinviabile, di far fronte alle problematiche del Mulino della Zambra.

     

    Quella partita dal Comune di Barberino Val d’Elsa è un’intimazione indirizzata alla direzione territoriale produzione Firenze della Rete Ferroviaria Italiana per la messa in sicurezza di tutta l’area.

     

    Nonostante il ripristino dell’argine dell’infrastruttura idraulica realizzata a protezione dell’abitato, il sindaco segnala che nella zona del Mulino della Zambra dove oggi risiedono 22 famiglie permane una situazione di estremo pericolo.

     

    “La strada di emergenza – spiega Trentanovi – unica via d’accesso e di fuga in caso di piena dell’Elsa, considerata l’inagibilità del ponte della Zambra, non è attualmente percorribile. La strada è chiusa al transito e non percorribile da auto e mezzi di soccorso, è l’unico accesso possibile all’abitato del “Mulino” per mezzi di portata superiore a 35 quintali. E tra l’altro non può essere utilizzata da pedoni e fasce “deboli” della popolazione”.

     

    Rimanendo sul tema viabilità, il sindaco si sofferma anche sulle attuali condizioni di pericolosità della Sr 429 che hanno causato nelle ultime settimane una sequenza di incidenti alcuni dei quali estremante gravi. Il primo cittadino sollecita un intervento per la messa in sicurezza stradale anche a seguito dei tre sinistri che si sono susseguiti nella scorsa settimana.

     

    Dopo aver monitorato l’area del Km 39 ed effettuato gli opportuni sopralluoghi, il Comune ha segnalato agli enti preposti la carenza di segnaletica di pericolo e preavviso in prossimità della rotatoria.

     

    “Abbiamo chiesto di illuminare l’area adeguatamente -conclude il sindaco –  considerata la carenza di illuminazione pubblica in quel tratto, e di intervenire con la realizzazione di segnaletica idonea che permetta all’automobilista di visualizzare correttamente la viabilità e la presenza della rotatoria”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...