spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiamme in una azienda olearia in via Primo maggio, nel cuore di Tavarnelle: incendio contenuto

    Interessata la parte di magazzino dell'azienda, La.Re.S.Ol SAS: coinvolti contenitori di olio alimentare. Crollata parte del tetto, non sono segnalate precauzioni da prendere

    BARBERINO TAVARNELLE – Le prime segnalazioni sono arrivate alla redazione del Gazzettino del Chianti da alcuni lettori, attorno alle 6.30 di stamani, lunedì 24 giugno.

    Fiamme, evidenti e preoccupanti, si erano sviluppate in una azienda situata nel cuore di Tavarnelle, in via Primo maggio.

    Si tratta di un’azienda olearia. Dalle prime indicazioni, non ci sono state persone coinvolte.

    La colonna di fumo è stata visibile fin da subito da decine di chilometri.

    Interessata la parte di magazzino dell’azienda, la La.Re.S.Ol SAS: coinvolti contenitori di olio alimentare.

    I vigili del fuoco sul posto (le fiamme si sono sviluppate attorno alle 5) hanno contenuto l’incendio. Rimangono in corso le operazioni di spegnimento e di smassamento, che richiederanno altre ore di lavoro.

    Sono intervenute le squadre di supporto dalla sede centrale, dal distaccamento di Fi-Ovest, e dal comando di Siena: tre squadre, tre autobotti, un’autoscala e il carro aria.

    E’ crollata una larga parte del tetto: ai vigili del fuoco, a situazione bonificata, anche il compito di verificare la stabilità dei fabbricati.

    Il sindaco di Barberino Tavarnelle, David Baroncelli, è stato avvisato e si è recato subito sul posto.

    Non sono indicate misure preventive da comunicare alla popolazione residente. Si tratta, infatti, di olio alimentare.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...