spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un burattinaio a scuola. Il teatro di figura incanta gli allievi e le allieve di Barberino Tavarnelle

    Il progetto permette agli studenti delle scuole dell'infanzia e delle primarie di apprendere l'arte di costruire e mettere in scena burattini e marionette

    MARCIALLA (BARBERINO TAVARNELLE) – Il meraviglioso mondo della “baracca”, animata da burattini e marionette, si apre come una scatola magica tra i banchi di scuola.

    E dalla tenda rossa del piccolo teatro, costruito artigianalmente in legno, come si faceva una volta, saltano fuori con le inconfondibili “vocine stridule” i grandi personaggi delle fiabe e dei racconti della tradizione. C’era una volta Pinocchio… tanto, tanto tempo fa Pulcinella… .

    Da quest’anno la giunta comunale, in collaborazione con l’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani” di Barberino Tavarnelle, ha attivato una nuova sperimentazione artistica ed educativa nelle scuole.

    L’arte di Italo Pecoretti, uno degli ultimi burattinai d’Italia, entra in classe, si mostra e si rivela direttamente. E per bocca di “Mangiafuoco”, il personaggio che il pubblico di tutte le età ama ironicamente attribuire al burattinaio di Livorno, residente a Certaldo.

    L’artista e performer ha avviato il suo tour destinato agli allievi e alle allieve delle scuole primarie e dell’infanzia del territorio.

    Il programma delle attività di presentazione e del teatro di figura curata prevede anche sette matinée, riservate agli studenti, che si terranno sul palcoscenico del Teatro Regina Margherita di Marcialla e per la prima volta al Cinema Teatro La Filarmonica di San Donato in Poggio.

    Gli spettacoli proposti sono alcuni dei cavalli di battaglia di Pecoretti: “Di Pinocchio l’avventura” e “Pulcinella in fabula”.

    “Una nuova collaborazione con l’istituto comprensivo – dichiara l’assessore alla cultura Giampiero Galgani – che promuove in forma itinerante le meraviglie della carovana del teatro di figura attraverso il talento di Italo Pecoretti”.

    “Nell’era in cui l’assedio delle tecnologie digitali invade ogni sfera della nostra vita – aggiunge – intendiamo creare una nuova opportunità di far conoscere un mestiere a rischio di scomparsa e rilanciare un linguaggio di comunicazione ed espressione diverso che attrae e fa sognare i più piccoli”.

    Italo Pecoretti, allievo di un altro grande protagonista dell’arte di strada, Alessandro Gigli, è il curatore della rassegna di teatro per i più piccoli promossa dal Comune di Barberino Tavarnelle al Teatro comunale Regina Margherita di Marcialla. 

    Il palinsesto del Regina Margherita propone domenica 19 febbraio alle ore 17 lo spettacolo di ventriloquia di Nicola Pesaresi “Mondo Pu…pazzo” e domenica 19 marzo alle ore 17 la nuova produzione de Il teatro delle Dodici Lune di Italo Pecoretti.

    Italo non ha ancora svelato il titolo del suo nuovo debutto previsto a primavera.

    “Ciò di cui si è certi è che lo vedremo sperimentare e innovare nel rispetto di una tradizione straordinaria che il nostro teatro ama portare avanti da anni – dichiara il sindaco David Baroncelli – con l’ironia si possono dire tante cose e Italo riuscirà a stupire come sempre il suo pubblico perché è il primo spettatore di se stesso, innamorato del mestiere che pratica con infinita passione da 25 anni e del teatro, si diverte e fa divertire, interpreta e coinvolge, mettendo in scena un evento senza tempo che saprà affascinare grandi e piccini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...