spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un Natale “green”, con alberi e cipressi (ma senza luminarie): ecco tutto il cartellone di Barberino Tavarnelle

    Il carnet promosso dal Comune in collaborazione con le associazioni, i circoli e le parrocchie, propone mercatini, concerti, presepi artigianali, spettacoli di strada, rassegne teatrali...

    BARBERINO TAVARNELLE – Il Natale di Barberino Tavarnelle è come una fiaba da vivere e scoprire ogni giorno, passeggiando tra i profumi, i suoni e i luoghi della cultura e della socialità.

    Il territorio, scolpito nelle suggestive colline del Chianti fiorentino, uno dei più pregiati del patrimonio storico e ambientale della Toscana, accoglie le magie del Natale trasformando borghi e frazioni del suo esteso territorio in villaggi incantati.

    Le case contadine, le vecchie tabernulae, le vie, le piazze, le torri e gli archi incastonati tra le abitazioni, le cantine sotterranee e i passaggi coperti, attraversati un tempo da viandanti e camminatori solitari, fanno da teatro alle atmosfere natalizie di Barberino Tavarnelle dove la comunità ha mantenuto intatti i propri percorsi storici, le vocazioni e le passioni restano fedeli a se stesse, autentiche e rispettose del passato.

    Ovunque è un mondo che fa parlare le pietre e narra delle millenarie radici del territorio di Barberino Tavarnelle.

    Ai piedi dell’orologio ottocentesco o lungo le “tabernulae” di via Roma, a Tavarnelle, che una volta ospitavano i viaggiatori, nei pressi della Cassia, una delle strade che collegavano la via Francigena alla via Volterrana.

    Tra le chiese, i cortili signorili, i palazzi storici del castello di Barberino Val d’Elsa sulle cui facciate fanno capolino gli stemmi delle antiche famiglie che diedero i natali a celebri personaggi della storia come l’amanuense dei codici danteschi Francesco di Ser Nardo, il cantastorie e compositore di romanzi cavallereschi Andrea de’ Mengabotti e il papa del Barocco Urbano VIII.

    “Il peso specifico della nostra storia si fonde alla vitalità contemporanea e alla cultura sostenibile – commenta l’assessore alle attività produttive Tatiana Pistolesi – i centri storici e commerciali di Barberino e Tavarnelle danno il benvenuto al Natale green con i viali di cipressi, disposti accanto ai negozi e alle attività economiche, lungo via Roma e via Naldini a Tavarnelle Val di Pesa e via Francesco da Barberino e piazza Capocchini a Barberino Val d’Elsa”.

    “L’iniziativa prende spunto da un progetto realizzato con successo dagli operatori economici di Barberino – continua l’assessora – che quest’anno abbiamo deciso di estendere all’area commerciale di Tavarnelle, concluse le festività, i 130 alberi che decorano il nostro Natale saranno poi piantati in alcune aree pubbliche del territorio comunale ad arricchire il patrimonio ambientale del Chianti, nell’ambito di un’attività di forestazione urbana promossa dal Comune”.

    A Barberino Tavarnelle niente luminarie. Il sindaco: “50mila euro da destinare alla spesa nel sociale”

    L’aria di festa è una magia che da oggi, 8 dicembre, si respira in ogni angolo e chiama a raccolta adulti e bambini.

    Prende il via la ricca programmazione del carnet “Il Natale delle tradizioni”, messo in piedi dal Comune di Barberino Tavarnelle in collaborazione con una fitta rete di associazioni tra cui il CCN Di Bottega in Bottega, i Circoli Arci e Mcl – Acli, la Pro Loco e il Circolo La Filarmonica Giuseppe Verdi di San Donato in Poggio, la Pro Loco di Barberino Val d’Elsa –  Gruppo archeologico Achu, le parrocchie, la Corale di Santa Lucia al Borghetto, il Teatro Riflesso, il Coro Voci Bianche Colli Fiorentini, il Coro di voci bianche dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino.

    IL NATALE DEI BAMBINI

    Nel pomeriggio di oggi alle ore 16 un’iniziativa allieterà i più piccoli negli spazi del circolo Arci La Rampa con le letture di Alice Leone. Ingresso gratuito.

    Da domenica 11 dicembre prende il via il “Natale show” organizzato dal Centro Commerciale Naturale di Tavarnelle “Di Bottega in Bottega”. Per le vie del paese si potranno degustare prelibatezze e produzioni tipiche locali, fare acquisti nei negozi e sbirciare tra i banchi del mercatino natalizio.

    Una festa che fa salire sul palcoscenico di dicembre l’arte di strada, animata da trampolieri mangiatori di fuoco e befane furtive che vogliono sottrarre la festa più bella dell’anno conducendo i più piccoli alla ricerca dell’ingrediente segreto di Babbo Natale.

    Torna a grande richiesta, e come poteva essere diversamente, l’allestimento scenografico ispirato al nonno vestito di rosso.

    Il centro storico di Tavarnelle si trasforma nel villaggio di Babbo Natale, popolato da elfi all’opera nella creazione di giochi in legno e attività per i più piccoli, renne, slitte, igloo e fiocchi di neve (dalle ore 10.30).

    Le magiche atmosfere di Santa Claus avvolgeranno Tavarnelle, da piazza Matteotti a piazza Domenico Cresti, il 17 dicembre per l’intera giornata. Tutti pronti, allora, per l’arrivo di Babbo Natale che quest’anno stupirà con effetti speciali, accompagnato da folletti circensi e suonatori di banda (dalle ore 15.30). Ingresso libero. 

    E’ dedicato ai più piccoli (3-8 anni) anche l’evento di letture e laboratori natalizi che si terrà nella biblioteca comunale di Barberino Val d’Elsa, la Casa della Cultura “Alda Merini”, il 17 dicembre alle ore 10.30.

    Ingresso gratuito su prenotazione: bibliotecatavarnelle@barberinotavarnelle.it (0558052585), bibliotecabarberino@barberinotavarnelle.it  (0558052490).

    Talento fa rima con divertimento. L’innata predisposizione dei bambini per il gioco del far finta, che sul palcoscenico diventa linguaggio teatrale, conquista il palcoscenico del Cinema Teatro della Filarmonica Giuseppe Verdi di San Donato in Poggio.

    Il 17 dicembre dalle ore 15,30 alle ore 17 l’allegra brigata degli aspiranti attori e attrici (6-11 anni), allievi dei corsi di Teatro Riflesso, si esibirà nella rassegna “Saggio Natale Bimbi”, organizzata dall’associazione teatrale che collabora attivamente con il Teatro comunale Regina di Marcialla. Ingresso libero.

    MUSICA, MAESTRO!

    Ancora un appuntamento nel segno della tradizione. Il concerto di Natale, in programma il 13 dicembre alle ore 18.30, vede protagonista il Coro di voci bianche dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, diretto dal maestro Lorenzo Fratini, accompagnato al piano da Hanna Kim.

    L’evento, organizzato in occasione dei festeggiamenti di Santa Lucia, si terrà nella chiesa di Santa Lucia al Borghetto, dopo la celebrazione della Santa Messa (ore 17.30). Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

    Altro concerto da non perdere è quello della Corale di Santa Lucia al Borghetto che il Circolo Mcl Acli ospiterà il 17 dicembre alle ore 21. A proposito di Santa Lucia il 18 dicembre torna l’appuntamento con la Fiera dedicata alla santa protettrice degli occhi, organizzata per le vie del centro storico di Tavarnelle dalla Pro Loco.

    PRESEPI MADE IN CHIANTI

    Dal 16 dicembre, alle ore 16.30, apre i battenti la tradizionale Mostra dei Presepi fatti a mano realizzati dagli artigiani del paese e dagli studenti del Comprensivo “Don Lorenzo Milani”.

    L’evento, visitabile fino all’8 gennaio, si terrà a Palazzo Malaspina nel suggestivo borgo di San Donato in Poggio con la partecipazione del Coro Voci Bianche Colli Fiorentini. Apertura: venerdì, sabato e domenica, dalle ore 16 alle ore 19.

    Volando di collina in collina verso la città-mito di Semifonte si potrà ammirare un’altra interpretazione della rappresentazione della Natività.

    Il 18 dicembre alle ore 16:30 sarà inaugurato un Presepe speciale alla Cupola di San Michele Arcangelo a Semifonte a cura della Proloco Barberino Val d’Elsa – Gruppo Archeologico Achu. Info: Info@summofonte.org – 3920989829.

    BEFANANDO…

    Anche con le scarpe tutte rotte la Befana del Chianti è una vecchietta giocherellona con la musica che scorre nelle vene.

    Il 5 gennaio il Circolo La Rampa celebra la vigilia dell’Epifania con i Rampanti in concerto alle ore 21. E il giorno successivo, il 6 gennaio, la tradizionale ricorrenza che tutte le feste porta via sarà celebrata in verticale e in movimento, a bordo di trampoli e pattini.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...