spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / I ragazzi raccontano la Liberazione. Il grazie del sindaco di Barberino Tavarnelle Baroncelli

    Audiovisivo frutto di un progetto artistico multimediale di Massimo Salvianti: "Ci avete emozionati per la profondità delle vostre riflessioni e dei vostri messaggi"

    BARBERINO TAVARNELLE – “Carissima sindaca e carissime ragazze e ragazzi del Consiglio, vi ringraziamo, il vostro è lavoro di grande intensità, pieno di energia e freschezza che, in un momento difficile e complesso come quello che stiamo vivendo, ci restituisce gioia e speranza”.

    Inizia così la lettera che il sindaco David Baroncelli, l’assessora alle politiche educative Marina Baretta e la giunta comunale di Barberino Tavarnelle hanno indirizzato al Consiglio delle ragazze e dei ragazzi dell’Istituto comprensivo Don Lorenzo Milani, diretto da Paola Salvadori, per elogiare l’impegno degli studenti nella realizzazione dell’audiovisivo, ideato e curato dall’attore Massimo Salvianti, in occasione delle celebrazioni del settantaseiesimo anniversario della Festa di Liberazione.

    “Il video che abbiamo avuto modo di conoscere, apprezzare e diffondere sui canali social – continuano – anche attraverso una diretta Facebook dedicata, ci ha emozionati per la profondità delle vostre riflessioni e dei vostri messaggi condivisi in rete con la comunità”.

    Frutto di un progetto artistico e multimediale elaborato da uno dei più grandi interpreti del panorama artistico nazionale, Massimo Salvianti, il video invita a non dimenticare che, allora come oggi, il futuro è una strada da percorrere insieme, rispettosi delle identità, delle opinioni, delle provenienze e di tutti i tratti distintivi che ci rendono unici nella ricchezza della diversità.

     “Ci rivelate quali fondamentali risorse possiate rappresentare nel contesto di un’emergenza senza precedenti – scrivono – gli interventi variegati con i quali avete risposto alle domande del regista attestano che le riserve necessarie a far fronte alle situazioni più complesse sono sovente dentro ognuno di noi e scavare, indagare, riflettere, confrontarsi con gli altri, ci aiuta a trasformarle in opportunità di crescita, un patrimonio di idee che si fa valore collettivo”.

    E’ stato un 25 aprile che ha messo al centro il punto di vista delle ragazze e dei ragazzi sul passato e sul presente.

    L’amministrazione comunale ringrazia i protagonisti del progetto per aver dato il loro prezioso contributo alla realizzazione dell’iniziativa ed essersi aperti con tanta naturalezza e determinazione.

    “Ci avete ricordato ancora una volta – sottolineano – a conclusione della Settimana civica cui il Comune ha aderito, che la storia, le pagine di un passato a noi lontano e per questo difficile da far comprendere e preservare per le nuove generazioni, entrano nel nostro vissuto quando l’esperienza della conoscenza diventa testimonianza e strumento di valorizzazione della memoria”. 

    “I valori non si insegnano – concludono dalla giunta comunale – si trasmettono. Continuate a condurli per mano. Crescendo insieme a voi, impareranno a camminare, responsabili, liberi, sapranno parlare il linguaggio più bello, quello della democrazia e dell’uguaglianza dei diritti. Un grazie di cuore anche a Massimo Salvianti, ai professori Lucia Salvietti e Alessio Cecchi“.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua