spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ztl estiva nel castello: “Vivere il centro di Barberino Val d’Elsa a piedi e in sicurezza”

    Dall'1 maggio le telecamere, situate a Porta Senese e Porta Fiorentina, saranno attive tutti i giorni nella fascia oraria 17.30-7.30 e sabato 19.30-7.30

    BARBERINO TAVARNELLE – Scatterà da lunedì 1 maggio la riorganizzazione della zona a traffico limitato nel centro storico di Barberino Val d’Elsa.

    L’ordinanza introduce alcune modifiche della regolamentazione nella circolazione stradale nel centro storico di Barberino Val d’Elsa, in merito all’accesso e alla sosta e all’attivazione dei varchi telematici. L

    e porte elettroniche sono impianti sofisticati dotati di telecamera che controllano l’accesso al borgo, regolamentato con la zona a traffico limitato.

    “Ripristiniamo la modalità estiva della Ztl con l’obiettivo di valorizzare e migliorare la fruibilità turistica del borgo – spiega il sindaco David Baroncelli – In un territorio che si distingue per la qualità dell’accoglienza, la ricchezza storica e la cultura della sostenibilità, è necessario incrementare il turismo lento, l’escursionismo a piedi, legato all’esperienza del cammino, consente ai visitatori di apprezzare e conoscere, in tutta sicurezza, le risorse ambientali e le peculiarità architettoniche di una delle nostre gemme più pregiate”.

    “La riorganizzazione – continua – nasce da un percorso di confronto e condivisione con la comunità nell’intento di contemperare le esigenze di tutti, da un lato le necessità dei residenti, dall’altro le istanze degli operatori economici”.

    Le telecamere, situate a Porta Senese e Porta Fiorentina, saranno attive tutti i giorni nella fascia oraria 17.30-7.30 e sabato nella fascia oraria 19.30-7.30. 

    In questa fascia oraria è stato istituito il divieto di transito. Il provvedimento esclude i veicoli autorizzati tra cui quelli delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco e della Protezione Civile, nonché le autoambulanze, i veicoli di istituti di vigilanza e in genere, i mezzi impegnati in operazioni di emergenza. 

    Possono circolare senza la necessità di richiedere un permesso i velocipedi e i veicoli adibiti alla raccolta rifiuti urbani e pulizia strade e quelli addetti alla distribuzione del servizio postale.

    Il transito è consentito inoltre ad alcune categorie di veicoli che abbiano regolarizzato il passaggio nei tre giorni successivi.

    Si tratta di veicoli appartenenti ad enti pubblici per motivi di servizio, a veicoli completamente elettrici, taxi e autoveicoli a noleggio con conducente, veicoli di aziende distributrici di prodotti farmaceutici e ditte che svolgono servizio di consegna domiciliare di  farmaci/presidi salvavita, veicoli muniti di contrassegni rilasciati alle persone disabili o al servizio di persone invalide e veicoli di associazioni per assistenza a persone bisognevoli.

    Di medici e personale infermieristico per assistenza a domicilio, veicoli al seguito di ospiti delle strutture ricettive presenti nella Ztl.

    La sosta sarà consentita in via Francesco da Barberino dal civico 10 (angolo fattoria Pasolini dell’Onda) a Porta Senese e in via Vittorio Veneto solo negli appositi spazi delimitati da segnaletica verticale ed orizzontale a disco orario un’ora, eccetto residenti autorizzati.

    Il provvedimento è valido fino al 31 ottobre.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...