spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Castellina in Chianti c’è una villa in campagna con 8 positivi al Covid-19: 10 i casi in tutto nel comune

    "Si tratta - spiega il sindaco Marcello Bonechi - di un gruppo di amici lombardi, di Milano, che ha preso una villa in affitto nella nostra campagna"

    CASTELLINA IN CHIANTI – Tradisce un po’ di amarezza il sindaco di Castellina in Chianti, Marcello Bonechi, quando ci dice che “in tutto il periodo più duro qua abbiamo avuto due positivi al Covid-19, adesso siamo già a 10”.

    Sì, perché oggi la Asl Sud Est ha notificato ben 7 casi positività al Sars-COV 2 nel comune castellinese. Casi molto particolari, di “importazione turistica” potremmo dire.

    “Si tratta – spiega il sindaco – di un gruppo di amici lombardi, di Milano, che ha preso una villa in affitto nella nostra campagna”.

    “Uno di loro – racconta ancora – qualche giorno fa è risultato positivo: aveva qualche sintomo, è stato sottoposto a tampone e il risultato è stato quello. Evidentemente aveva sviluppato la malattia fra la partenza e i primi giorni qua”.

    “Gli altri – spiega ancora – sono stati messi tutti in quarantena. Ieri hanno fatto il tampone, e oggi sono stati dati i risultati: altri sette casi positivi”.

    “Erano arrivati due settimane fa – riprende Bonechi – Come amministrazione comunale li aiutiamo, come abbiamo sempre fatto con tutti: con il servizio spesa, il servizio specifico per il ritiro dei rifiuti. E qualsiasi cosa serva”.

    “Sono tutti in villa – riprende – stamani ci ho parlato per telefono: stanno bene, nessuno al momento ha bisogno di cure”.

    “Gli altri due casi? Sono di persone straniere che vivono a Castellina – risponde ancora il sindaco – erano tornati al Paese d’origine e poi, al ritorno qua in Chianti, sono risultati positivi”.

    Il pensiero va subito all’Rsa “Virginia Borgheri”, ovvero il luogo più fragile di tutto il comune: “Ai dipendenti che rientrano dalle ferie – dice Bonechi – è stato chiesto di portare il referto del tampone, e solo se negativo riprendono a lavorare”.

    “Se il virus entrasse lì dentro – aggiunge – sarebbe un disastro. Nell’Rsa di Castellina abbiamo l’80% di non autosufficienti, immaginatevi voi”.

    “E’ il nostro pensiero primario – conclude Bonechi – la chiudemmo agli ingressi esterni il 27 febbraio, prima che Regione e Governo diramassero l’isolamento di queste strutture. Addirittura i dipendenti si chiusero dentro, con turni di 15 giorni senza uscire…”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...