lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Aumenta l’indennità dei sindaci nei Comuni con meno di tremila abitanti: in arrivo le risorse ai Comuni

    Una novità che, nel territorio del Chianti senese, andrà a interessare i Comuni di Gaiole, Radda e Castellina in Chianti

    CHIANTI SENESE – È in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero dell’Interno per l’incremento dell’indennità di funzione per l’esercizio della carica di sindaco nei Comuni delle Regioni a Statuto ordinario con popolazione fino a 3.000 abitanti.

    Una novità che, nel territorio del Chianti senese, andrà a interessare i Comuni di Gaiole, Radda e Castellina in Chianti.

    Le misure mensili dell’indennità dei sindaci di questi Comuni sono incrementate fino all’85 per cento della misura dell’indennità stabilita per sindaci dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti.

    Nei Comuni fino a mille abitanti dunque l’indennità aumenta di 497,35 euro al mese; nei Comuni da 1.001 abitanti a 3.000, l’indennità di funzione aumenta di 357,91 euro al mese.

    Il Ministero assegna un contributo a titolo di concorso alla copertura del maggior onere annuo dell’incremento per singolo Comune.

    Sarà di 3.287,58 euro per i Comuni fino a mille abitanti e di 2.365,85 euro per i Comuni fino da 1.001 abitanti a 3.000.

    Il palazzo comunale di Radda in Chianti

    Secondo il presidente Uncem Marco Bussone si tratta di un positivo provvedimento che è nato dalla spinta fatta dalle Associazioni, da Anci, Ali Legautonomie e Uncem.

    E che il Governo ha accettato sulla scia di quanto già previsto dalla legge 158/2017 sui piccoli Comuni che ridà piena dignità agli Enti e li impegna a lavorare insieme per lo sviluppo economico del territorio, anche grazie a un fondo di 160 milioni di euro che Uncem ha chiesto venga celermente assegnato.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino