spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castellina in Chianti: al via il percorso partecipativo per il nuovo Piano Operativo

    Il primo incontro si svolgerà lunedì 6 novembre alle ore 18 alla Casa dei Progetti

    CASTELLINA IN CHIANTI – A Castellina in Chianti prende il via il percorso partecipativo che porterà alla redazione del nuovo Piano Operativo del Comune, atto centrale per la pianificazione urbanistica.

    Il primo incontro è in programma lunedì 6 novembre alle ore 18 alla Casa dei Progetti, in via delle Mura 30, con la partecipazione del sindaco, Marcello Bonechi; del Responsabile Unico del Procedimento, Roberto Gamberucci; del Garante della comunicazione e della partecipazione, Serena Burresi; dei tecnici dell’Ufficio urbanistica del Comune di Castellina in Chianti e del gruppo esterno dei professionisti incaricati per la redazione del Piano Operativo.

    Il percorso di partecipazione per la redazione del nuovo Piano Operativo, previsto nel rispetto della legge regionale sul governo del territorio, sarà articolato in quattro incontri che coinvolgeranno portatori di interesse e cittadini, in forma singola o associata, con l’obiettivo di costruire le basi del Piano stesso in termini di diagnostica condivisa e identificazione delle azioni strategiche di intervento.

    Il primo incontro sarà dedicato all’illustrazione dell’intero ciclo di partecipazione e delle diverse modalità con le quali i soggetti esterni potranno intervenire nel procedimento, all’illustrazione dei differenti ruoli dei soggetti coinvolti, a vario titolo, nella costruzione e nello sviluppo del Piano Operativo e alla diversità di funzioni fra Piano Strutturale e Piano Operativo.

    Nel corso del primo appuntamento, inoltre, saranno approfonditi gli altri due procedimenti che saranno portati avanti parallelamente all’approvazione del Piano Operativo, ossia il procedimento di Valutazione Ambientale Strategica e il procedimento di adeguamento del Piano Operativo al Piano Regionale Cave.

    Gli altri tre incontri del percorso partecipativo sono previsti nei mesi di gennaio e febbraio 2024 e porteranno ad acquisire eventuali proposte di rigenerazione e trasformazione congruenti con gli obiettivi generali dell’amministrazione su temi quali la promozione dell’abitare e del turismo, la tutela e la promozione delle attività agricole in relazione al consumo di suolo e valorizzazione di paesaggio, beni storici, archeologici, culturali e ambientali.

    “Il Piano Operativo – afferma Marcello Bonechi – rappresenta l’atto centrale nella pianificazione urbanistica di un Comune ed è uno strumento fondamentale per governare i processi di trasformazione del territorio guardando al futuro e mettendo al primo posto la qualità della vita delle persone e la tutela e la valorizzazione del paesaggio e delle sue eccellenze, che per Castellina in Chianti sono risorse primarie”.

    “Con questi obiettivi – conclude – è molto importante coinvolgere attivamente tutti i soggetti interessati, dai cittadini ai professionisti fino ai diversi stakeholder, stimolando il confronto e la raccolta di nuove idee e osservazioni per favorire la crescita condivisa, consapevole e sostenibile del nostro territorio”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...